Attualità/Cronaca/Milano

Milano: «Kebab e phone center, la città di Gaber non esiste più»

Tutto cambia. Anche il bar Gino non è più quello di una volta, è sempre al civico 50 del Giambellino ma oggi ha un altro nome, si chiama «Bar Masuri». Il locale che nel ’61 ispirò «La ballata del Cerutti» di Giorgio Gaber è circondato da phone center, negozi di kebab, supermarket indiani, macellerie islamiche. «Il quartiere raccontato da mio marito nelle sue canzoni è cambiato, e non è cambiato in meglio» racconta Ombretta Colli, senatrice del Pdl ma anche ex assessore alle Periferie della giunta Moratti. «Prima c’era una fila di osterie, adesso negozi di kebab». Non la sconvolge il pensiero che un pezzo della memoria storica del quartiere, gli otto caseggiati dell’Aler dieci civici più avanti dell’ex Bar Gino possano essere demoliti. Anzi. «Che tradizione rappresentano dei casermoni così brutti e degradati, si può tenere un simbolo-ricordo, una targa quasi a ringraziare la gente che ha vissuto in quelle condizioni, ma direi che è più che sufficiente. Se si può migliorare la vita delle famiglie ben venga, demolire e ricostruire è la strada giusta».
Ombretta Colli ricorda gli anni in cui quei palazzoni sono stati costruiti, «c’era la necessità di dare in fretta delle case all’immigrazione degli italiani dal sud, sono state costruite delle caserme e fatte male». Anzi, vien da chiedersi, «fare un palazzo brutto o bello costa uguale, casomai lì hanno usato materiali scadenti che hanno avuto gli effetti che conosciamo. Ma andando a rifare perché non pensare a quelle piccole cose, dal giardinetto alla fontana, che possono fare anche di un case di edilizia popolare un quartiere vivibile».
Gaber frequentava la zona negli anni Sessanta, e cantava «ho fatto una ballata per uno che sta a Milano al Giambellino, il suo nome era Cerutti Gino ma lo chiamavano drago, gli amici al bar del Giambellino dicevan che era un mago». La Colli ricorda anche l’altra famosa «Trani a gogo», sempre dedicata al quartiere. «Seconda traversa a sinistra nel viale – cantava Gaber – ci sta quel locale abbastanza per male che chiamano trani a gogo, si passa la sera scolando barbera». «Vede – ribadisce -? Una volta le osterie, oggi i kebab, il quartiere non è cambiato in meglio».

Red

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.