Cronaca/Interno

Alitalia, Minzolini si sacrifica per salvare Berlusconi dalla Consob

La falsa “cordata” annunciata nel 2008 ha alterato la borsa. Gli imprenditori citati dal premier non sapevano niente, ma il mercato ci ha creduto.

La mazzata più pesante, almeno finora, ha colpito Antonio Baldassarre. Giusto un mese fa l’ex presidente della Corte costituzionale si è visto recapitare dalla Consob una supermulta da 400 mila euro per aver diffuso nella seconda metà del 2007 “informazioni false e fuorvianti” sulla privatizzazione di Alitalia. Capitolo chiuso? Pare di no, perchè la Commissione di controllo sui mercati finanziari proprio in queste settimane sta tirando le somme di altre due indagini avviate a suo tempo sui vorticosi movimenti di Borsa che accompagnarono la vendita della disastrata compagnia di bandiera.

Il colpo al governo Prodi
Sotto la lente dei commissari è finita una fantomatica offerta avanzata nel dicembre 2007 dai due fondi americani Evergreen e Thl. Ma il dossier di gran lunga più importante e delicato sul piano politico riguarda, tra gli altri, anche Silvio Berlusconi e il direttore del Tg1 Augusto Minzolini. Tutto comincia il 27 marzo 2008 quando Minzolini, all’epoca cronista politico del quotidiano La Stampa di Torino, firmò un articolo in cui il Cavaliere annunciava una cordata made in Italy di compratori per l’Alitalia. Il governo Prodi era agli sgoccioli e mancavano solo due settimane alle elezioni politiche del 13 aprile. “La cordata esiste, eccome”, disse Berlusconi secondo Minzolini. Quelle parole ebbero l’effetto di una bomba, anche perchè l’Alitalia era uno dei temi caldi della campagna elettorale. Solo che non era vero niente. A quell’epoca non c’era nessun gruppo di investitori italiani pronti a fare un’offerta per privatizzare Alitalia, che invece era vicinissima ad essere venduta ad Air France. E fu il Cavaliere in persona a 24 ore di distanza a smentire le dichiarazioni pubblicate da La Stampa a firma Minzolini. Si tratta di “indiscrezioni o supposizioni da parte giornalistica”, si affrettò a precisare Berlusconi, che all’epoca interveniva un giorno sì e l’altro pure per difendere, diceva lui, la svendita allo straniero dell’Alitalia.

Ormai, però, il danno era fatto. L’articolo fece partire a razzo le quotazioni borsistiche della compagnia aerea. In un sol giorno il titolo fece un balzo del 10,9 per cento con milioni di pezzi scambiati. La cordata, in realtà, si formò solo sei mesi più tardi dopo che Air France, spaventata anche dall’ostilità del centrodestra, si era ritirata. Nel frattempo però la Consob aveva già aperto un’inchiesta ravvisando nell’articolo di Minzolini il fumus della manipolazione informativa, cioè la diffusione di “informazioni, voci o notizie false o fuorvianti” in merito ad azioni quotate in Borsa. Lo stesso Lamberto Cardia, il prudentissimo presidente dell’Authority di controllo sulla finanza, in quelle settimane era arrivato a raccomandare grande prudenza, perchè, come dichiarò in un’intervista al Sole 24 Ore, “quando un politico manifesta desideri o finalità da raggiungere può innescare movimenti del titolo e rendere squilibrato il mercato”. Parole che sembrano scelte con cura per descrivere l’intervento berlusconiano. La Commissione si è mossa con i piedi di piombo. Dopo aver elaborato, come prassi in questi casi, una gran mole di dati sugli scambi borsistici di quei giorni caldi, sono state raccolte le dichiarazioni di alcuni presunti partecipanti alla cordata tirati in ballo da Berlusconi nell’articolo. Tra questi anche l’Eni, Mediobanca i gruppi Ligresti e Benetton. Tutti hanno chiarito che a marzo del 2008 non erano stati coinvolti in nessun piano alternativo a quello di Air France per privatizzare l’Alitalia.

La versione di Augusto
Insomma, a voler credere alle dichiarazioni di tutti i protagonisti, quell’articolo che mise a rumore i mercati spacciava come vere una serie di bufale. Non solo i presunti acquirenti a quell’epoca non avevano progetti concreti per mettere le mani sulla compagnia di bandiera. Ma, a quanto pare, lo stesso Berlusconi a marzo del 2008, non avrebbe mai pronunciato le parole attribuitegli nell’intervista. A questo punto, per chiudere il cerchio, non restava altro da fare che chiedere a Minzolini la sua versione dei fatti. Ed è esattamente quello che hanno fatto gli ispettori della Consob, ricevendo una riposta piuttosto sorprendente. Il futuro direttore del Tg1 ha scelto di minimizzare, precisando che quelle parole attribuite a Berlusconi erano in sostanza il frutto della sua libera interpretazione delle posizioni del Cavaliere. Fin qui l’istruttoria della Commissione, che come spesso accade, non si può dire si sia mossa a gran velocità. Del resto anche il verdetto su Baldassarre e la sua cordata fantasma è arrivato a quasi due anni di distanza dai fatti incriminati. Per non parlare dell’inchiesta giudiziaria vera e propria. Solo nei giorni scorsi la procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio dell’ex presidente della Corte Costituzionale. E Berlusconi? La Commissione si trova di fronte a una scelta molto delicata. Tanto più in questi giorni che precedono l’insediamento del nuovo presidente Giuseppe Vegas, politico del Pdl nonchè viceministro dell’Economia. Sembra escluso a questo punto che i commissari decidano di sanzionare il presidente del Consiglio. Una scelta clamorosa che sarebbe difficile da giustificare visto che il Cavaliere ha corretto le sue posizioni a poche ore dalla pubblicazione dell’articolo, di fatto sconfessando Minzolini. Il quale è rimasto con il cerino acceso in mano. E’ lui l’unico ad aver messo la firma sotto una serie di informazioni che si sono rivelate quantomeno inesatte ma con effetti concreti. E’ anche vero, d’altra parte, che lo stesso Minzolini ha ridimensionato l’episodio.

Resta da vedere se la Consob si accontenterà delle sue spiegazioni oppure proporrà un qualche tipo di sanzione nei confronti del giornalista. Che nel frattempo, come noto, ha fatto carriera. E ha continuato a raccontare di Alitalia e delle gesta berlusconiane. Questa volta dalla poltrona di direttore del Tg1. (di Vittorio Malagutti)

Da Il Fatto Quotidiano del 30 novembre 2010

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.