Cronaca/Interno/Media

Ikea e lo spot dei picciotti ambientalisti (video)

Lo spot Ikea The Very Good Fellas, ideato dall’agenzia 1861united guidata da Pino Rozzi e Roberto Battaglia, è in onda sia in tv che sul web dallo scorso 3 aprile. Ideato dai direttori creativi Francesco Poletti e Serena di Bruno, il video promozionale tenta di lanciare una nuova linea di cucine preoccupandosi anche di strizzare l’occhio al rispetto per l’ambiente. Il messaggio del promo è semplice: le immagini partono con una bella villa sullo sfondo e con due uomini che per aspetto, accento ed atteggiamenti ricordano le classiche figure macchiettistiche dei mafiosi. Uno di questi, parlando in dialetto napoletano, chiede aiuto a quello che sembrerebbe il tipico picciotto siciliano per spostare un grosso sacco dell’immondizia dal contenuto sospetto. La seconda parte del video mostra altri apparenti mafiosi che si aggirano indaffarati attorno ad un tavolo dove un uomo (vestito in stile “Il Padrino”) sembra privo di sensi. Al termine dello spot, si intuisce però che tutti i “bravi ragazzi” stanno solo compiendo buone azioni nei confronti dell’ambiente; preparando insieme un pranzo tra amici. Lo slogan finale recita difatti: «Comportarsi bene in una cucina Ikea è più naturale».

LE REAZIONI SU FACEBOOK E YOUTUBE – La pubblicità ha scatenato dopo poche ore dalla diffusione sul web un vespaio di polemiche e di proteste da parte di numerosi cittadini meridionali dichiaratisi profondamente offesi dagli stereotipi utilizzati nel messaggio veicolato dalla nota azienda svedese: «Ah perché poi Napoli è solo questa? – si interroga indignata una delle iscritte alla pagina ufficiale di Ikea Italia – Ah no, giusto, bisogna far vedere al mondo solo la faccia sporca (che tra l’altro è stata sporcata da altre persone e non dai diretti interessati)… Già non compravo da ikea, pensa ora… Questo spot è una vergogna!!!» «Il Sud (Campania e Sicilia) sa comportarsi meglio di coloro che hanno progettato questo spot e ancora meglio di coloro che “adorano” questi sporchi luoghi comuni». Dello stesso avviso anche Angelo Forgione del movimento “Vanto”:«Spot vergognoso pieno zeppo di luoghi comuni contro i meridionali. Anche io non compro più Ikea». Tra blog, social network e You Tube, si sono registrate anche reazioni positive («Ma cosa ha di offensivo questo video? Cosa vi turba e vi indigna? A sto punto censuriamo anche “Il Padrino” o serie televisive come “I soprano”» scrive comunicattivo86 ) ma, nella maggior parte dei casi, i commenti sono stati mediamente poco generosi. Inoltre, sotto il riquadro video, la spia rossa «non mi piace» prevale di gran lunga sul «mi piace».

LA RISPOSTA DEL MANAGER IKEA ITALIA – A dare l’ok per la diffusione dello spot The Very Good Fellas è stato il Marketing Manager Ikea Italia Retail srl Fabrizio Concas: «Prima di tutto devo constatare che, al contrario di ciò che comunemente si dice, la pubblicità è molto seguita – precisa Concas -. In secondo luogo ci tengo molto a sottolineare che abbiamo scelto un taglio simile in totale buona fede e che, naturalmente, non credevamo che il messaggio dello spot avrebbe potuto in qualche modo offendere i meridionali o essere frainteso in questo modo». «Evidentemente – continua il manager – ci sono persone che cavalcano alcuni sentimenti di divisione e che utilizzano la strumentalizzazione ogni volta che possono. Ero convinto che oggi si fosse superato il tema di contrasto tra Nord e Sud del paese ma, dopo le reazioni che ho registrato, devo dire che forse mi sbagliavo. In ogni caso – conclude Concas – ci teniamo a scusarci con tutti i meridionali che si sono sentiti offesi dalla nostra pubblicità». Pubblicità che, in ogni caso, ha ottenuto lo scopo di far parlare moltissimo sia dell’azienda che del nuovo prodotto lanciato sul mercato. (di Germano Milite – corriere.it)

Video: IKEA spot tv – The very good fellas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.