Cronaca/Interno

Cassazione: il processo Scazzi passa a Potenza

È stato trasferito a Potenza il processo per l’omicidio di Sarah Scazzi.
Lo ha deciso la Cassazione in seguito alla richiesta presentata dai legali di Sabrina Misseri di spostare il processo da Taranto.
I legali Franco Coppi e Nicola Marseglia sostengono che a Taranto il processo non può svolgersi serenamente per la troppa pressione dei media.
La ripresa dell’udienza preliminare innanzi al gup di Taranto era fissata per il 14 ottobre.
UNA DECISIONE «SEMPLICE». La discussione sull’istanza di rimessione, in precedenza, aveva ottenuto un giudizio di difficoltà molto basso, pari al livello 3 su una scala che arriva fino a 10. Con questi livelli, viene dato un «peso ponderale» alla complessità dei ricorsi presentati in Cassazione dagli stessi magistrati che si occupano della loro valutazione prima dello svolgimento dell’udienza.
Questo significa che la decisione non presentava questioni di diritto di particolare difficoltà.
«A Taranto» per l’avvocato Walter Biscotti, che difende i familiari di Sarah Scazzi, e dunque la parte civile, «non c’è nessun ‘clima’ e spero che la Cassazione sappia ben valutare le reali esigenze di questo processo».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.