Cronaca/Interno

Sarah, il pm su Sabrina: revocate la prima ordinanza di custodia

TARANTO – Revoca della prima ordinanza di custodia a carico di Sabrina Misseri. E’ quanto ha chiesto oggi in aula il pubblico ministero. Si tratta dell’ordinanza che vede Sabrina indagata per l’omicidio di Sarah Scazzi in concorso col padre Michele Misseri.
A carico di Sabrina resta in piedi l’ordinanza di custodia che la vede accusata del delitto in concorso con la madre Cosima.

Intanto si è saputo che la macchia rilevata sul sedile posteriore dell’auto di Cosima Serrano non è di Sarah Scazzi. È la conclusione a cui è giunto il perito del gup di Taranto Pompeo Carriere, nel corso dell’incidente probatorio affidato dal giudice alla polizia scientifica di Roma. Di questo si parla oggi nell’udienza preliminare per l’omicidio della quindicenne di Avetrana, uccisa il 26 agosto 2010. Del delitto sono accusate la zia e la cugina della quindicenne, Cosima Serrano e sua figlia Sabrina Misseri.

Oggi è il turno delle repliche dei pubblici ministeri e dei difensori dei 13 imputati (10 hanno scelto il rito ordinario, tre invece, tutti avvocati, il rito abbreviato). Non si sa se il gup Pompeo Carriere riterrà necessario anche l’esame del perito della polizia scientifica che ha completato gli accertamenti su una macchia trovata nell’auto di Cosima Serrano, accertamenti che hanno dato esito negativo. Al termine dell’udienza il gup dovrebbe riservarsi la decisione, attesa per l’inizio della prossima settimana. (quotidianodipuglia.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.