Cronaca/Giustizia/Interno

Discriminazioni: condannato per diffamazione e violazione della privacy per aver rivelato l’omosessualità altrui

È assolutamente condivisibile, per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, sotto il profilo della esigenza di sanzionare chi rivela dati riguardanti la sfera sessuale di ogni cittadino, la sentenza n. 30369 del 24 luglio 2012 della Cassazione Penale che ha accolto il ricorso di un cittadino che aveva visto sbattuto in prima pagina il tradimento con un collega, condannando per diffamazione e violazione della privacy il giornalista che aveva provveduto a pubblicare la notizia.

Gli ermellini, hanno così ribaltato la sentenza della corte d’appello che aveva escluso la punibilità del giornalista in quanto la motivazione del provvedimento impugnato si rilevava incoerente con le norme sulla diffamazione in relazione all’esclusione dei presupposti della lesione del menzionato diritto, tutelato dal nostro ordinamento.

Lecce, 24 luglio 2012

Giovanni D’AGATA

Riceviamo & Pubblichiamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.