Cronaca/Interno/Società

Italian gigolò: Se l’accompagnatore serve persino per i funerali

Pagare per fare sesso. Dov’è la novità? E’ la storia più antica del mondo. Se a farlo però sono le donne ecco che la cosa si fa più interessante.

Se poi per farsi accompagnare da un uomo sono disposte a spendere tra i 500 e i 2000 euro qualche curiosità nasce spontanea. Le indagini sul tema sono piuttosto rare e non particolarmente recenti. Secondo l’associazione “Donne e qualità della vita”, due donne su 10 si sono rivolte ad un accompagnatore almeno una volta nella vita e quattro hanno pensato di farlo. A cercare di tracciare un profilo del prototipo dell’uomo oggetto dei desideri, il gigolò, ci ha pensato invece l’Eurispes che ha rilevato come, a differenza della prostituzione femminile, in quella maschile l’accompagnatore è spesso di buona cultura, capace di parlare più lingue e prevalentemente made in Italy. Noi ne abbiamo incontrato uno proprio così (Guarda il video). Si chiama Roy, è un italiano doc, fa il gigolo di professione da sette anni, non si concede ad appuntamenti per meno di 500 euro e si definisce “il sogno di una notte che svanisce con l’arrivo del giorno”.

“Basta con questo Richard Gere – ci dice Roy appena lo incontriamo – l’american gigolò rappresentato nel film è solo il frutto dell’immaginazione del regista. Non è mai esistito un personaggio così. Basta solo fare una considerazione semplice: quale donna che riesce a trovare un accompagnatore con cui sta bene e che la soddisfa è realmente disposta a cederlo alle amiche?” Altro tabù da sfatare è il sesso a tutti i costi. “Nel mio mestiere – spiega Roy – il sesso è solo un 40%, tutto il resto è interpretazione. Sono matrimoni, sono battesimi, spesso mi capita di interagire con parenti, amici, fare foto con gli sposi, che poi, magari, a distanza di tempo si domanderanno: ma chi era quello? Addirittura, mi chiamano anche per i funerali!”.

Non necessariamente dunque gli incontri finiscono con un rapporto sessuale. Molte donne “preferiscono stare in compagnia, magari anche dormire insieme” a lui ma poi tutto finisce con un assegno e una stretta di mano. “C’è da dire – aggiunge Roy – che una donna vuole sentirsi desiderata e spesso cerca nei miei occhi passione. Ora io non sono un robot e non posso desiderarle tutte!” Insomma, niente niente che si rischia di andare in bianco anche con un gigolò! Roy però ci spiega che si tratta davvero di casi rari e che lui, a dispetto di quello che si può immaginare non finge con le sue clienti per cui non si pone in uno stato di compiacimento a tutti i costi.  (Laura Muzzi – ilgiornale.it)

2 thoughts on “Italian gigolò: Se l’accompagnatore serve persino per i funerali

  1. E’ comunque sia una tristezza antica mai risolta;ne che sei uomo ne che sei donna.
    Pensarci bene è davvero una grande povertà!

  2. Per mia conoscenza le donne che si circondano di gigolò normalmente sono donne in carriera e funzionarie, solitarie, intellettualoidi, spesso orientate politicamente a sinistra, non hanno figli per paura di deturpare il proprio fisico, frequentano palestre amano il mare ove non si fanno mancare eventualmente la loro alcova, se hanno avuto un matrimonio questo serve o è servito come mezzo di protezione, ma al primo soffio di temporale lo hanno mollato e con questo pretesto giustificano le loro libere attività amatorie. E’ certo hanno un reddito che le permettono di pagarsi viaggi e il gigolò di turno. Spesso spinte da una loro filosofia di vita fingono di essere innamorate ma solamente dopo l’ennesimo uomo e quando si accorgono che gli anni si fanno sentire e per non restare sole. Questo avviene intorno al raggiungimento degli anni 60. La loro esperienza sessuale così maturata, nel corso della loro carriera condiziona questi gigolò ormai maturi nel trovare quella soddisfazioni che altrimenti sarebbero solo ricordi. L’aria di mare è poi il luogo di riposo. Allora il gigolò ha fatto il gigolò, ma queste donne in italiano come chiamarle ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.