Cronaca/Interno/Politica

Renzi offre una tregua a Letta in cambio della segreteria

Il sindaco “rottamatore” punta alla leadership e ha deciso di aspettare per Palazzo Chigi: “Non ho fretta. Tra dieci anni avrò l’età di Enrico”

– ilgiornale.it) – Era bastato un colloquio di poche ore a Palazzo Chigi per capire quale era la strategia di Matteo Renzi.

Il sindaco ha assicurato il sostegno al governo Letta in cambio di un accordo di “non bellicosità” durante i lavori del Pd che potrebbero portarlo alla segreteria del partito.

Oggi Renzi scopre le carte in una lunga intervista a La Stampa, in cui rivela: “Gli ho detto che se diventassi segretario del Pd non mi chiederei ogni giorno cosa fare per danneggiare lui e Alfano. Il mio non sarà mai un partito con la matita rossa per fare le pulci al governo”. E ha aggiunto: “Anche Letta ha capito che bisogna cambiare e sa che, con me segretario, il governo sarebbe più forte, non più debole”.

Il “rottamatore” rinuncia a Palazzo Chigi? Certo che no: “Sono ambizioso, ma non smanio per andare al voto. Se Enrico durerà ancora dieci anni, farò dell’altro, allora avrò l’età che lui ha adesso”. L’importante per Renzi è “ridisegnare” il Partito Democratico, con un “bipolarismo gentile e rispettoso”. Ma soprattutto cambiando i protagonisti: “Veltroni aveva scritto il film giusto ma ha sbagliato a credere che potessero recitarlo gli attori che avevano trasformato le pellicole precedenti in un flop. Nel mio Pd andranno avanti i più bravi non i più fedeli, dichiarerò guerra alla mediocrità”. Che ne sarà quindi della compagine di dirigenti pronti a salire sul carro della vittoria? “Le critiche dei prevenuti e le lusinghe dei ruffiani non avranno il potere di cambiarmi”.

One thought on “Renzi offre una tregua a Letta in cambio della segreteria

  1. Un super partes, recita ancora secondo i canoni della scuola del vecchio PCI, altro che rottamatore sfasciacarrozze. Per cambiare occorre la Terapia elettroconvulsivante per l’intero partito e una vera plastica per cambiare fisionomia. Voi proprio voi ex pci, margherita, quercia, etc oggi PD, siete concausa insieme al resto dei movimenti e dei politicanti delle nostre disgrazie. Tu sai bene che una azienda non può essere tassata per l’80% del proprio reddito, e che quel 80% lo si usa per mantenere in piedi quella struttura parlamentare degna solo di uno stato dittatoriale quale è diventato il nostro. Cosa pretendi tu di cambiare quando il sistema è costipato di raccomandati e dove il più scrauso dei funzionari crede di essere un padre eterno. Gli scandali di dx o di sx sono quotidiani. Come cambiare se non si riacquista quella libertà democratica e soprattutto dal bisogno della povera gente. Per questo non credo che ci si riesca, allo stato delle cose, subendo quei condizionamenti a cui siamo sottoposti, e non credo che questo avvenga nei prossimi 10 anni, ma la speranza è riposta nel popoletto e che perda la pazienza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.