Cronaca/Interno/Politica

Alfano e Fitto, la mappa con truppe, divisioni e soldi

fitto-ballarò(Paolo Falliro – formiche.net) – Lealisti e alfaniani, con in mezzo i mediani. A sette giorni dal voto di fiducia espresso al governo Letta, ecco che tra i berlusconiani più di qualcosa è cambiato. Non solo nella fuga in avanti (qualcuno la epiteta “centrista”) dei cosiddetti esponenti di governo, ma nella determinazione con cui Angelino Alfano e i suoi (Lupi, Quagliariello, Lorenzin, De Girolamo, Cicchitto) stanno premendo sul Cavaliere affinché si costituisca il polo popolare e moderato, escludendo falchi ed estremisti. Una posizione a cui i cosiddetti lealisti, capeggiati dal pugliese Raffaele Fitto, hanno replicato chiedendo il congresso oltre all’azzeramento delle cariche interne. Il riferimento, non troppo velato, è al triplo ruolo ricoperto attualmente da Angelino Alfano: segretario del Pdl, vicepremier e ministro dell’Interno.

Come lo stesso Fitto ha sottolineato dagli studi televisivi di Ballarò, se vale il principio “un sedere per una poltrona” invocato dal segretario, allora urge un chiarimento. Chiarimento che, pare, tra i due non ci sarà nonostante una finestra lasciata aperta dall’ex governatore della Puglia e che nelle ultime ore avrebbe lasciato intendere di apprezzare lo stesso Berlusconi, impegnato a predicare l’unità del partito. Nel mezzo la battaglia per i rimborsi e le difficoltà logistiche di una eventuale spaccatura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.