Cronaca/Mondo/Web

Fondatore di un sito internet condannato a mille frustrate per offese all’Islam

Fondatore di un sito internet condannato per offese all’Islam. La condanna: 10 anni di carcere, mille frustrate e una multa di 270mila euro. Il controllo sui social network sta diventando una pratica sempre più diffusa nei paesi musulmani

 

internetIl fondatore della “Rete liberale saudita”, Raef Badaui, è stato condannato oggi a dieci anni di carcere e a mille frustate per “oltraggio all’Islam”. Lo ha reso noto la presidente di questa rete Suad Shammari. Il militante, arrestato nel giugno 2012, dovrà anche pagare una multa equivalente a circa 270.000 euro. La condanna del giovane blogger sta riaprendo l’eterno dibattito sull’estremismo religioso dei governi di ispirazione musulmana e sui limiti alle libertà individuali imposti dai dettami dell’Islam.

Sul suo sito ora chiuso dalle autorità, Raef Badaui aveva “criticato la polizia religiosa e alcuni comportamenti ed editti religiosi (fatwa) degli ulema” (religiosi islamici). L’Arabia Saudita applica una versione ultra-rigorosa dell’islam, i vertici religiosi sono molto potenti e la polizia religiosa controlla il rispetto della morale islamica. Un gruppo su Facebook sta addirittura chiedendo la sua esecuzione.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, questo tipo di monitoraggio sui social network e i conseguenti arresti stanno diventando una pratica sempre più diffusa nei paesi musulmani. I proprietari degli internet cafè sono costretti a controllare l’attività online dei loro clienti e allertare gli agenti dell’intelligence se individuano qualcosa che possa andare in qualche modo contro l’Islam. Intanto in Syria, Facebook è stato totalmente bandito.

                                                                                                                                                                                                      Giovanni D’AGATA

73100 Lecce via G. D’Annunzio n° 37 – e mail: dagatagiovanni@virgilio.ithttp://www.sportellodeidiritti.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.