Renzi blinda la Boschi: “Se cade lei, cade il governo”

renzi boschi(Di Alberto Maggi @AlbertoMaggi74 – http://www.affaritaliani.it) – “Maria Elena va difesa a tutti i costi e fino in fondo“. Così, stando alle indiscrezioni raccolte da Affaritaliani.it, si sarebbe espresso il presidente del Consiglio parlando a Palazzo Chigi con i suoi più stretti collaboratori del caso della ministra Boschi, finita nell’occhio del ciclone dopo il varo del decreto salva-banche. Le opposizioni, senza nemmeno troppo infierire, chiedono le dimissioni della renziana doc e preparano una o più mozioni di sfiducia, in attesa che la stessa Boschi riferisca in Parlamento del salvataggio di Banca Etruria, il cui vice-presidente è proprio il padre della ministrà.

Renzi non intende cedere di un millimetro. La responsabile delle Riforme, ‘mamma’ dell’Italicum, non è un ministro qualunque. E’ il cuore del renzismo. Se cadesse lei si rischierebbero ripercussioni politiche imprevedibili che potrebbero perfino travolgere l’intero esecutivo portando il Paese verso le elezioni politiche anticipate. Il premier – stando alle fonti dem contattate da Affaritaliani.it – si sarebbe affrettato a chiamare i big della minoranza interna e dei centristi (Ncd-Area Popolare e Scelta Civica) chiedendo loro di essere solidali e di non affondare il colpo sulla ministra.

Non solo. Renzi avrebbe anche convinto i più riottosi, sia tra gli alfaniani sia tra la sinistra dem, a desistere da critiche eccessive nei confronti della Boschi, pretendendo soprattutto la garanzia del voto contrario sulla mozione di sfiducia annunciata da M5S, Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia. Il segretario del Pd avrebbe anche ipotizzato uno scenario di crisi e di corsa al voto anticipato (spauracchio per i centristi dell’Ncd, sotto il 2% nei sondaggi, e per la minoranza dem, che non verrebbe ricandidata) qualora non ci fosse quella compattezza richiesta nel difendere la Boschi. Va bene la Commissione d’inchiesta sul sistema bancario, va bene la soluzione per cercare di venire incontro alle migliaia di risparmiatori rimasti senza soldi, ma la ministra delle Riforme non si tocca. Pena un effetto a catena che travolgerebbe l’intero governo e farebbe perdere molte poltrone a chi quasi certamente, in caso di elezioni anticipate, non tornerebbe in Parlamento.

Advertisements

7 Comments

  1. TUTTI A CASA … tutto avete trattato , tutto avete salvato , tutto avete parato e ve nè siete fottuti di chi ha sulle spalle 40 anni di lavoro …” tutti a crepare !! ” ebbene pollice verso … e sia … ai voti …il mio voto di sicuro non l’ avrete … anzi non l’ avete avuto mai … ma quando mai s’ è visto un partito di sinistra che rema contro i lavoratori , contro chi è stato determinante coi propri sacrifici a realizzare il progresso dell’ Italia … pur misfrattati e sfruttati … ” a casa !! senza indugi … sarebbe ora …aria pulita …” …

  2. Questa vergognosa difesa minacciando, anzi ricattando, i suoi compari è la dimostrazione
    che sono TUTTI solo per mantenere il loro culo sulla poltrona, continuando ad usufruire di previlegi e stipendi alla faccia nostra. Cialtroni disonorevoli e disonesti.

  3. Che cada la boschi e tutto il governo! Ma ovviamente fin quando ci sfogheremo sui social non succederà mai nulla!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...