Cronaca, Editoriali, Interno, Politica

“Ma papà ti manda sola?”: di Marco Travaglio

Piombino, Maria Elena Boschi apre la campagna per il si al referendum(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Siccome nessuno ha il coraggio di dirglielo, ci armiamo di tutta la delicatezza del caso (la signorina è un filino suscettibile) e l’avvertiamo noi. Dobbiamo ancora trovare le parole giuste, ma potrebbero essere queste – scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano nell’editoriale di oggi 12 luglio 2016, dal titolo “Ma papà ti manda sola?” .

Gentile ministra Boschi, si metta seduta comoda perché la notizia non è delle migliori. No, tranquilla, stavolta suo padre non c’entra. E nemmeno l’Etruria e Flavio Carboni. Si tratta delle cosiddette riforme che portano la sua prestigiosa firma e quella, se possibile, ancor più prestigiosa di Denis Verdini. Sì, l’Italicum e la nuova Costituzione. Ecco, come dire, qualcosa sembra essere cambiato, durante la sua tournée per l’Italia, nell’atteggiamento del suo partito, e persino del suo spirito guida. Niente di grave, per carità. Essi la amano ancora come il primo giorno. È solo che, per dir così, pur con tutto il rispetto e l’affetto che le portano, non sono più tanto convinti della bontà delle “riforme”, ecco. Tant’è che approfittando della sua lunga assenza da Roma, gliele stanno smontando pezzo per pezzo, tipo Lego. L’Italicum lo vorrebbero cambiare, e non perché sia palesemente incostituzionale (un vizio che si può estirpare solo radendo al suolo la sua legge e facendone un’altra), ma perché non siete più al 40,8% come quando l’avete inventata. Ora siete sul 30 e i 5Stelle addirittura sopra. E, quel che è peggio, si è scoperto che in caso di ballottaggio la destra preferisce votare per loro o stare a casa.

Lei capirà la gravità della situazione: sarebbe seccante se una legge fatta per far vincere il Pd, per l’eterogenesi dei fini, portasse a Palazzo Chigi Di Maio. Perciò stanno persino premendo sulla Consulta perché dichiari incostituzionale l’Italicum e dia loro il pretesto di farne un altro (pare lo vogliano chiamare Piddinum, o direttamente Renzianum, ma sono solo voci). Dunque nel frattempo lei dovrebbe abolire la parola Italicum dal vocabolario della sua tournée. Ora si e ci chiederà: e di che parlo allora? Bella domanda. Non saprei: che so, intrattenga il pubblico sull’annosa ansia da prova costume, sull’endemico problema del giro-vita, sulla vexata quaestio della cellulite, o su un argomento a piacere. Ma lasci stare l’Italicum che, mentre parla, i suoi a Roma potrebbero aver già trasformato in Australianum, Groenlandicum o Camerunensicum. Le restano, è vero, da illustrare i balsamici effetti della riforma costituzionale in vista del referendum di ottobre. Ma anche su questo, se ascolta un consiglio da amici, noi sorvoleremmo. No, signorina, ora non faccia quella faccia. Niente di irreparabile anche qui. (…)

Articolo intero su Il Fatto Quotidiano in edicola oggi.

Advertisements

1 thought on ““Ma papà ti manda sola?”: di Marco Travaglio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...