Cronaca/Editoriali/Interno

“La verità purtroppo rappresenta sempre il male”

Sisma: sindaco Amatrice, 'ci sono morti,è un dramma'CASERTA. «Ho ascoltato il giudizio di Renzi, reso nel corso di un’intervista all’emittente radiofonica Rtl 102.5, sulla ricostruzione in Irpinia secondo cui ci sarebbe stato “uno scandalo squallido e vergognoso”, giudizio che desta una vergognosa irritazione che trova origine non tanto nella insolita approssimazione renziana, quanto nel fatto che questa è l’ultima di una serie di affermazioni vergognose fatte a caso negli ultimi giorni, anche dai mezzi di informazione, e che hanno finito di storicizzare i luoghi comuni piuttosto che prendere atto della verità dei fatti». Lo dichiara il deputato Giuseppe De Mita (Udc). «Infatti – afferma De Mita – ci si è lanciati in licenziosi paragoni tra il terremoto dell’Italia Centrale del 24 agosto scorso e quello dell’Irpinia senza alcuna considerazione sulle differenze oggettive di entità ed estensione e sulle specifiche condizioni storiche. A rischio di apparire cinici, cattivi, oggi risulta vergognoso paragonare un terremoto che ha riguardato tre Comuni con un terremoto che ha riguardato quasi un’intera provincia, che ha coinvolto centinaia di Comuni e che ha investito due Regioni non aiuta né a capire l’una vicenda né ad evitare possibili errori per l’altra». «Se si volesse capire quello che è accaduto in Irpinia – aggiungiamo noi – per sintesi si potrebbe ancorarsi ad un solo numero accertato dai fatti storici: in trent’anni lo Stato per la ricostruzione del terremoto del 1980 ha speso 75mila miliardi di lire, di questi in Irpinia è stata spesa la quindicesima parte: 5mila miliardi, sia per la ricostruzione che per il processo di industrializzazione in otto aree industriali. A distanza di oltre 35 anni, il risultato è di una provincia capace di esercitare, per la qualità del territorio e della ricostruzione, su chi viene ad osservarla con occhi sgombri da pregiudizi, una grande significativa suggestione paesaggistica e culturale. E il giudizio sull’industrializzazione, nel pieno della crisi economica internazionale, potrebbe essere mutuato dalle parole rese proprio da Renzi l’anno scorso quando è venuto in Irpinia a visitare la Ema, oggi 100%, Rolls Royce e azienda leader a livello internazionale, nata proprio con la legge che ha finanziato la ricostruzione post sisma, sbandierando con la bocca che quello è uno dei modelli di come si faccia industria non in Irpinia, ma in Italia». «Se qualcuno – vuole concludere – ma soprattutto avesse davvero voglia di ricercare responsabilità politiche su quella vicenda, al di là degli episodi giudiziari che non hanno portato ad alcun risultato, se non rovinare al vita ad alcune persone, questa indagine la si dovrebbe rivolgere alle ragioni, fortemente contrastate all’epoca dei fatti dalla classe dirigente irpina, che portarono ad una indefinita estensione dell’area di intervento che finii per riguardare quasi due intere Regioni, Campania e Basilicata. Siamo stanchi di essere utilizzati come giocattoli per esprimere giudizi senza fondamento da parte di persone che riempiono con i luoghi comuni un vuoto di conoscenza. Ecco perché ci chiediamo immediatamente l’istituzione di una commissione parlamentare che raccolga tutti i dati disponibili presso i Ministeri e le varie istituzioni pubbliche coinvolte e che si stabilisca una volta per tutte la verità dei numeri, dei fatti e, dunque, delle responsabilità».Non è possibile che ad oggi tutto è avvolto nel mistero totale.

Giovanni De Cecio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...