Campania/Cronaca/Interno

Bacino di crisi di Caserta: tutta la provincia tagliata fuori dai sussidi

TUTTA LA PROVINCIA DI CASERTA TAGLIATA FUORI DAI SUSSIDI COME AREA DI CRISI COMPLESSA NONOSTANTE LE FREQUENTI VISITE IN REGGIA DI: PRODI,  BERLUSCONI, DE LUCA ED INFINE RENZI CON IL G7 DI MAGGIO 2017.

13620280_551075431767844_8899763721000724371_nCASERTA. ( Lavoratori di bacino ) Spiegateci come si può tagliare fuori dai sussidi Caserta? come si può parlare di G7 ?
Dateci una spiegazione,  ora  servono i gesti,  ma soprattutto i fatti per fateci capire la situazione, ma soprattutto la strada che si vuole far prendere a questa Provincia. Il lavoro è destinato a scomparire. Tutta la provincia di Caserta  vive in uno stato di abbandono economico e politico….
Per giunta  il Governo taglia  fuori dai Sussidi la nostra provincia, una area che oggi consideriamo la  più  depressa d’ Italia e soprattutto crea discriminazione tra lavoratori della stessa azienda.
Nonostante un incontro importante con il sottosegretario Biondelli…che dava speranze per noi lavoratori. La risposta che ci è stata data  sarà unicamente  la vetrina del G7  nella  Reggia di Caserta.
Vergogna. !!!
Tutti dormono, chi spiegherà  le DISCRIMINANTI decisioni ai lavoratori del Ministro Poletti ?
IL  pacchetto annunciato dal governo, è stato spiegato al tavolo, entrerà nel decreto correttivo del Jobs act che approderà nella stanza del Consiglio dei ministri al massimo entro il 16 settembre. A renderlo noto è stato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, al termine dell’incontro. Nel dettaglio Poletti ha chiarito che per i lavoratori delle aree di crisi industriale COMPLESSA verranno stanziati 235 milioni di euro. Ad essere interessati sono i lavoratori di nove zone: Gela, Piombino, Livorno, Rieti, Termini Imerese, Trieste, Taranto e le aree di Ascoli Piceno e Molise. La domanda sorge spontanea ora: Caro  De Luca, ma soprattutto caro Poletti, ma in Campania allora il lavoro esiste? qui non c’è nessuna area di crisi?.La domanda la facciamo anche ai sapientoni dirigenti della politica che con la loro bocca piena di magiche parole, stanno distruggendo la nostra povera  regione Campania. Noi lavoratori del < BACINO DI CRISI DI CASERTA>  siamo davvero stupefatti si parla di piani, di progetti supportati dalla mobilità Ora altre forme di sussidio al momento non trovano fondamento. Assurdità della politica italiana. Noi siamo nauseati si  deve garantire a tutti noi lavoratori del <BACINO DI CRISI DI CASERTA>  la mobilità anche RETROATTIVA (tanti da circa due anni senza sussidio), includendoci poi nel 2017 in progetti di ricollocazione.
Oggi, abbassata l’asticella, in un mondo in cui determinante è “sopravvivere”, e inizia ad essere chiaro che i problemi di almeno tre generazioni sono strutturali.
Al presidente del Consiglio, ad un presidente della Regione  chiediamo di alzare il sedere e di scendere in campo, ci disgusta il teatro della demagogia,  vogliamo i fatti. Per risolvere certi problemi ci vuole realismo nel leggere il presente e una certa visionarietà per costruire il futuro.
Noi  vogliamo ancora credere nella speranza  perché è previsto per la messa a punto un ulteriore incontro (NAZIONALE) per giorno 16/17 settembre, noi vogliamo ancora credere nell’impegno di tutta la classe dirigente della provincia di Caserta, della regione Campania.

IL BACINO DI CRISI DI CASERTA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...