Campania/Cronaca/Interno

Bacino di crisi di Caserta: “Stato di agitazione da lunedì, ora agiremo”

fb_img_1474017184706CASERTA. In  seguito dell’ennesimo silenzio da parte delle istituzioni, i lavoratori del < BACINO DI CRISI DI CASERTA> hanno deciso ieri sera durante una riunione tra  di loro, uno stato di  agitazione, contro il totale immobilismo da parte della classe politica. Ancora una volta, il < BACINO DI CRISI DI CASERTA>  protesta   sul nostro territorio  per  smuovere la classe sociale, i lavoratori vogliono chiarezza sul futuro di Terra di Lavoro.  I  motivi di  questa agitazione,  che scatterà dalla prossima settimana,  hanno portato completamente  i lavoratori a perdere totalmente la fiducia verso le istituzioni, ora bisogna attivare la lotta di classe,  la loro sopportazione sta per crollare-  vogliamo  avere risposte da chi oggi ci rappresenta, invitiamo tutta la nostra società ed essere con noi.  Bisogna alzare la voce. I lavoratori chiedono  questi interventi urgenti:

1 – Bisogna intervenire coprendo tutti i mancati pagamenti della mobilità in deroga dei mesi pregressi ( tanti lavoratori senza reddito dal 2015 ).
2 – Bisogna assolutamente assegnare la continuità contributiva che permette agli ex operai di rimanere collegati con i contributi.
3 – Bisogna assolutamente far iniziare al più presto i corsi di formazione, ad oggi dopo tanto parlare a vuoto, non c’è ancora la conoscenza della data di partenza dei corsi di formazione.
4 – Bisogna assolutamente affrontare con azioni concrete il 2017 con programmi di ricollocazione mantenendo fede ai vari accordi di Programma avviando il sostegno alle famiglie dei lavoratori del Bacino di Crisi di Caserta con la mobilità in deroga fino alla completa rioccupazione.
Loro sono stufi, si sentono vergognosamente presi in giro da chi dovrebbe rappresentarli,  attendono ancora di conoscere anche l’incontro romano che avverrà a Roma con il Sottosegretario Franca Biondelli per conoscere le motivazioni scadenti e  nulle   di Poletti sull’esclusione di Caserta dalle aree di crisi, ma soprattutto vogliamo capire definitivamente  quando ci sarà la fine di tutte queste problematiche.  La nostra  pazienza sta giungendo verso un tragico capolinea.

“La lotta di classe tanto sbandierata e fortemente cercata  aggiunge il comunicato – si sta di fatto concretizzando, nell’indifferenza delle istituzioni, e coinvolgendo  ceti  fasulli appartenenti ad una  classe sociale che  ad oggi non esiste più, per colpa della politica.  Abbiamo sempre ritenuto il nostro ruolo di forte impatto sociale; e abbiamo approcciato questo  problema  cercando di credere ancora nelle istituzioni, ora basta, nessuno ci fermerà, siamo pronti a questo stato di agitazione che scatterà la prossima settimana da Lunedì.  Con questo silenzio,  notiamo la volontà della politica di inasprire gli animi e fomentare gli attriti tra noi  lavoratori”.

“È drammatico – proseguono i lavoratori essere privati  della nostra libertà, ma soprattutto  di  non ricevere più la  nostra unica fonte di sostentamento economico, non abbiamo più la forza di aspettare, abbiamo i valori umani, vogliamo ricordare a tutti  che siamo esseri umani, con famiglie. Non  vogliamo più essere presi per i fondelli da nessuno, per questo chiediamo di ripristinare la legalità, ma soprattutto la democrazia, solo  così potremo  ancora  credere, che ci sia un futuro.”

BACINO DI CRISI DI CASERTA

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...