Campania/Cronaca/Editoria/Interno

“Campo di grano con ciminiera”, il libro di Del Prete, Ciervo e Cantone

img_1961Il volume è stato presentato alla presenza di un’attenta platea sabato scorso a Guardia Sanframondi in occasione del primo incontro culturale “Un bicchiere di Vino con …” messo in campo da Amedeo Ceniccola con l’intento di far diventare  l’Art Gallery della Casa di Bacco uno spazio polivalente dedito non solo all’arte, ma alla cultura a 360 gradi e luogo di incontro e intrattenimento a supporto delle aziende vinicole del Sannio.

Ha dato inizio ai lavori il fondatore della Casa di Bacco  che dopo aver presentato e ringraziato per la partecipazione i relatori, Rossella Del Prete (Docente di Storia finanziaria, Storia del turismo e Storia dell’industria all’ Università del Sannio), Amerigo Ciervo (Insegnante di Filosofia presso il Liceo P. Giannone) e Gaetano Cantone (artista, architetto, designer e Presidente dell’Istituto italiano per lo studio e lo sviluppo del territorio) ha voluto chiarire il significato di questa nuova iniziativa.

“Un bicchiere di Vino con … vuol essere un momento di riflessione a voce alta  per conoscere e approfondire tematiche culturali, sociali ed artistiche con personaggi di alto profilo; gli incontri avranno una cadenza periodica e vedranno il coinvolgimento delle aziende vinicole in qualità di sponsor dell’evento per valorizzare al meglio la principale voce del Pil della nostra provincia”.  Il Presidente della cooperativa “La Guardiense” Domizio Pigna ha espresso il suo vivo compiacimento per la nuova iniziativa assunta dalla Casa di Bacco ed ha colto l’occasione per informare i presenti in merito all’ultimo riconoscimento ricevuto dall’associazione Gambero Rosso per l’elevata qualità della Falanghina imbottigliata dall’azienda cooperativa guardiese. Il sindaco Floriano Panza ha portato i saluti della cittadinanza ed ha ribadito l’impegno a sostenere in tutte le forme possibile coloro che si attivano per rendere Guardia sempre più attrattiva dal punto di vista culturale e sociale.

La docente  Rossella Del Prete ha lungamente intrattenuto la platea sul tema del lavoro dal secondo dopoguerra fino ai giorni nostri mettendo in evidenza che: “… Parlare di lavoro oggi mette quasi un senso di tristezza per non dire sconforto. Si scrive lavoro si legge insicurezza. Insicurezza per chi lo cerca, insicurezza  per chi ce l’ha e rischia ogni giorno di perderlo. Insicurezza mai forse così diffusa dal dopoguerra ad oggi”. La professoressa Del Prete ha voluto anche ricordare che il libro “Campo di grano con ciminiera” è organizzato di fatto in due sezioni non separate in maniera distinta: una macrogeografica, l’altra circoscritta alla regione sannita ed ha evidenziato che trattasi un progetto condiviso tra storici ed economisti afferenti al mondo accademico e studenti e docenti del Liceo Classico Giannone di Benevento e serve per aprire una profonda riflessione sull’uso storiografico delle fonti e della memoria. Il professore Amerigo Ciervo (fondatore del Collettivo di ricerca musicale del Sannio) ha sottolineato l’importanza della parola “storia” che la si incontra per la prima volta in Erodoto, definito da Cicerone “pater historiae” e della difficoltà del reperimento e della selezione delle fonti ed ha concluso il suo intervento mettendo l’uditorio sul rischio di: “… poterci trovare tra qualche anno con una serie di generazioni di smemorati”. Le conclusioni sono state affidate all’archi-maestro Gaetano Cantone che ha incantato i presenti con la proiezione di una serie di opere d’arte e raffigurazioni di copertine e manifesti che hanno ben rappresentato l’iconografia del mondo del lavoro affrontato in un’ottica interdisciplinare per aiutare i presenti a meglio comprendere la complessità dei fenomeni e le interconnessioni che hanno caratterizzano  la storia delle attività produttive, del mondo sindacale e dei lavoratori tra gli anni Sessanta e Settanta.

Al termine della serata è stato offerto un “aperiVino” preparato dalla Casa di Bacco con il vino  dell’azienda vinicola “La Guardiense” che ha sponsorizzato questo primo convivio.

Amedeo Ceniccola

Fondatore della Casa di Bacco

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...