Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Sindaci e fallimenti: i romani non hanno colpe

ignazio-marino-321123(Marcello Veneziani – Il Tempo) – Ma che altro può fare il popolo di Roma? Le ha provate tutte: cominciò con la sinistra e fu un buco di debiti più tanta cipria, poi votò la destra che spaventata di se stessa, non fece granché, poi montò la voglia di punire i partiti e votò il marziano, l’outsider, e arrivò Marino. E fu un disastro, fece rimpiangere Alemanno, aggravò la situazione a cominciare dal degrado e dall’immondizia, e finì come è finito, sommerso dagli scontrini, accusato di peculato, falso, truffa e fuffa.

Cacciato Marino, si pensò a una dose di antipolitica più forte, contro i partiti. E dopo terribili guerre stellari arrivò dalle galassie Virginia Raggi, l’Orecchio della Verità (dopo la mitica Bocca). Era una domenica di primavera, poi passò l’estate intera, ora ci siamo inoltrati in autunno ma la Raggi dice, balla, se la suona e se la canta, ma la giunta non è mai giunta. Non stiamo a zero, ma sottozero. Metteteci tutte le attenuanti che volete, inesperienza in testa, datele ragione su tutto, i poteri forti, i giornali servi, i nemici grossi, il boicottaggio interno.

È vero, Roma non fu fatta in un giorno ma, intanto è disfatta da cento giorni da pecora, più un giorno da leone solo per dire No alle Olimpiadi. Roma sprofonda, nulla sta cambiando, ma noi – secondo la setta dei grilloidi – dovremmo esultare a vedere Caltagirone, Montezemolo, Malagò e i Massoni a bocca asciutta senza le Olimpiadi…

L’unico argomento a favore della Raggi, obbiettivamente, l’ha detto Grillo: si, siamo dilettanti, ha ammesso, ma siamo arrivati in Campidoglio proprio perché sono falliti i professionisti. E’ vero, ma non ci consola sapere che falliti i medici ci dobbiamo affidare ai ciarlatani.

E ora che facciamo? Falliti i tecnici e i partiti, i politici e gli antipolitici, a che santo ci votiamo? Invochiamo Junker, Ban Ki-moon, i caschi blu? O dobbiamo ricominciare dalla prima casella e ripartire daccapo, che so, un bel sindaco democristiano, per non tornare al Papa Re? I romani hanno mille colpe, ma col voto ci hanno provato davvero, più volte, a voltar pagina. Ora le pagine sono finite.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...