Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Il referendum e il grande “dipende”

renzi-referendum-costituzionale-812580(di Alessandro Gilioli http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it) – C’è un’argomentazione referendaria esposta da Renzi (sia nel confronto in tivù sia in successivi interventi pubblici) che vale la pena di analizzare.

È quella secondo la quale la riforma «non tocca il potere del presidente del Consiglio», non li aumenta, dato che «nessun articolo riguarda i suoi poteri».

È interessante, come questione, perché è tecnicamente vera (in nessun articolo si aumentano i poteri del presidente del Consiglio) ma fattualmente a rischio di essere falsa, nelle conseguenze o almeno nelle possibili conseguenze: dipende.

Intanto, come primissima cosa, una fotografia della situazione oggi.

Tutte le simulazioni concordano sul fatto che se il Senato fosse composto con i criteri proposti dalla Renzi-Boschi, questo ramo del Parlamento sarebbe sostanzialmente al servizio del partito che oggi esprime il premier. Su 100 senatori, infatti, almeno 54 sarebbero direttamente del Pd, a cui se ne aggiungerebbero altri cinque dei partiti autonomisti (tre del Trentino Alto Adige e due della Valle D’Aosta), già schierati coi dem, per un totale di 59; in più ci sarebbero i cinque senatori di nomina presidenziale e se ipotizziamo (per difetto) che almeno due su 5 siano di area Pd, arriviamo a 61 su 100.

Di qui alla fine della legislatura gli equilibri non sono destinati a cambiare se non eventualmente in minima parte (2-3 seggi) nel caso il Pd perdesse la Sicilia nel 2017.

Quindi, grosso modo, i dem avrebbero il controllo totale del Senato almeno fino al 2023.

Che cosa comporta questo, in termini di poteri del futuro premier, quello che emergerà dalle elezioni del 2018?

Dipende, appunto.

Dipende prima di tutto da come verrà riscritto l’Italicum.

Nell’attuale versione – l’unica che conosciamo – se vince il Pd il suo leader accumulerebbe di fatto una Camera e un Senato che, per motivi diversi, sono trasformati in autostrade del potere del premier, con una maggioranza decisamente sovrarappresentata e una minoranza decisamente sottorappresentata rispetto alla volontà dei cittadini.

In questo scenario, mi sembra un po’ eccentrico sostenere che il premier non vedrebbe aumentare di fatto la sua forza e il suo potere; e che non diminuisca parecchio la forza dell’opposizione. Insomma sarebbe difficile dire che non ci sarebbe un cambiamento nei rapporti di forza politici concreti a favore di Palazzo Chigi, dell’uomo che vi risiede come premier.

Dopodiché, allo stato, c’è una doppia complicazione che è il caso di mettere in luce.

La prima riguarda il fatto che quell’Italicum – così come adesso è in vigore – dovrebbe cambiare, secondo l’impegno di Renzi.

Il problema tuttavia è che non sappiamo come cambierà.

C’è quindi l’altissima probabilità che il 4 dicembre votiamo su come sarà fatto il Senato senza sapere come sarà fatta la Camera.

A me questo non sembra molto bello, anzi mi sembra una delle cose meno belle e meno giuste di tutto questo ambaradan istituzionale. Perché è come se per uscire la sera ci fosse chiesto che giacca metterci, senza sapere se poi i pantaloni saranno gialli o blu, Caraceni o Diesel.

Non sappiamo cioè se, nel modificare il Senato, una delle conseguenze sarà l’aumento di poteri del premier. Dipende.

La seconda variabile – il secondo dipende – è la possibilità che, restando invariati i fondamentali dell’Italicum, alla Camera vinca una forza di opposizione rispetto al Pd (M5s o centrodestra). In questo caso, infatti, i provvedimenti legislativi della maggioranza rischierebbero di essere sottoposti al fuoco di fila del Senato di parte opposta, la quale (date le infinite complicazioni dell’articolo 70) ricorrerebbe contro ogni legge uscita dalla Camera che possa anche vagamente essere connessa con le variabili previste dal medesimo articolo 70.

In questo caso, quindi, si può dire che i poteri legislativi del premier non aumenterebbero, anzi rischierebbero di essere in più di un caso frustrati dall’altro ramo del Parlamento.

In sostanza, alla domanda: questa riforma aumenta i poteri del premier, la risposta onesta è: dipende.

Dipende da come verrà riscritto l’Italicum e – nel caso non venisse riscritto nei fondamentali – dipende da chi vince poi le elezioni per la Camera.

Potrebbero aumentare smisuratamente o potrebbero perfino trovare ostacoli più robusti di adesso.

Andiamo tutti a votare in una situazione in cui a una delle domande fondamentali sugli effetti della riforma la risposta è dipende.

E – ripeto – questo è l’aspetto meno bello del tutto, in termini di cittadinanza consapevole che deve decidere come sarà il proprio futuro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...