Campania/Cronaca/Interno

Prima giornata del Festival della Montagna, Mercogliano protagonista con una giornata dedicata alla storia, ai beni culturali e ai sapori da vivere in maniera nuova e divertente

stefania-di-nardo-e-marianella-pucci-mediateurDal 7 al 9 ottobre, l’appuntamento da non perdere è a Mercogliano con il “Festival della Montagna” manifestazione promossa dal Comune per promuovere e valorizzare le infinite risorse storiche, culturali, naturalistiche ed enogastronomiche del comprensorio del Partenio.

Il Festival della Montagna (promosso dal Comune di Mercogliano in partenariato con i Comuni di Ospedaletto d’Alpinolo, Sant’Angelo a Scala, Atripalda, Summonte, Pietrastornina, Monteforte Irpino e Avellino ed è realizzata all’interno del POC Campania 2014-2020 – Linea Strategica 2.4 “Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e la cultura”. Programma “giugno 2016 – gennaio 2017”, Sezione “Iniziative promozionali sul territorio regionale”) inizia con un intero weekend di attività pensate per narrare e far vivere la montagna in maniera innovativa e prosegue fino al 17 novembre con il programma delle iniziative dei sette comuni partner.

“Sono molto orgogliosa e felice per il Festival – dice l’Assessore al Turismo del Comune di Mercogliano Stefania Di Nardo – che è il frutto della capacità di fare rete tra il Comune e le Associazioni del suo territorio e tra le amministrazioni comunali partner. Un lavoro impegnativo che oggi ci dà la soddisfazione di aver creato una manifestazione innovativa, strategicamente finalizzata alla creazione di un turismo nuovo, che apprezzi tutte le risorse del nostro territorio. L’auspicio è che il Festival vada lontano, diventando la testa di ponte di una programmazione turistica in grado di generare indotto anche oltre la stagione estiva, portando nel territorio del Partenio un turista amante della natura, della bellezza, della buona tavola e del buon vivere, che sin da ora aspettiamo a bracca aperte”.

Ideato e organizzato da Mediateur, il Festival si apre con un programma integrato di eventi che promuove e valorizza il territorio di Mercogliano e del Parco del Partenio con le sue principali risorse storiche, artistiche, architettoniche e archeologiche, ma anche naturalistiche, enogastronomiche e religiose.

Il Festival inizia venerdì 7 ottobre, alle ore 19.00, presso lo splendido Palazzo Abbaziale di Loreto con “Le storie raccontate. L’Albero del Sole” visita teatralizzata sul tema della montagna e degustazioni curate, rispettivamente, dalla compagnia Teatro di Gluck e dal Ristorante Parthenos (ore 19.00 e 20.00) per un massimo di 40 partecipanti a turno su prenotazione al Numero Verde 800 561884.

Quello delle visite teatralizzate è uno splendido modo di unire le bellezze architettoniche, la storia e l’intrattenimento, facendo in modo che tutti, anche i bambini, riescano ad attraversare i luoghi accompagnati dal fascino della storia che li ha attraversati. I testi predisposti “ad hoc” da Maurizio Picariello ed Elena Spiniello del Teatro di Gluck sono stati appositamente studiati per unire l’accuratezza storica alla piacevole fruizione del racconto, la loro nota verve attoriale e gli splendidi costumi fanno il resto, legando lo spettatore al luogo in virtù di un’esperienza gradevole e divertente. Calate nell’atmosfera storica e precedute dalla suggestione teatrale, anche le degustazioni avranno più gusto. I sapori del Partenio, infatti, saranno esaltati dallo splendore del luogo e dei suoi magnifici arredi e, grazie al ponte delle sensazioni gustative e olfattive, passato e presente si congiungeranno all’Abbazia del Loreto.

Il programma prosegue sabato a Capocastello, con l’orienteering, il tour a piedi in compagnia di Don Vitaliano Della Sala tra le chiesette del Borgo Medievale, le contestuali teatralizzazioni del Teatro di Gluck, lo spettacolo degli aquiloni di “Atelier del Vento”, le danze aeree di “ImmaginAria” , la performance teatral-musicale de “Il Terzo Eccetera”, lo “show cooking” con i prodotti tipici e, alle 21 sul piazzale della Funicolare lungo il Viale S. Modestino, l’appuntamento con la grande musica italiana de I Nomadi.

Domenica il Festival si sposta in località Acquafidia con un programma interamente dedicato agli sport all’aria aperta. Trekking con il CAI Sez. Avellino, mostre di cani da caccia e da tartufo, giochi di montagna, camminata sulla corda e arrampicata sugli alberi, camminata a cavallo, le danze di montagna, l’allenamento funzionale, sono alcuni degli ingredienti di una mattinata che si concluderà con la Messa, alle 12.30, celebrata sul suggestivo pianoro a 1000 mt di altitudine da Don Vitaliano. Aree picnic attrezzate e stand gastronomici saranno a disposizione dei partecipanti che, dalle 14, in poi potranno sperimentare il “postural Pilates”, divertirsi con i giochi campestri e godere delle spettacolari evoluzioni dei rapaci di “De Arte Venandi”.

Per raggiungere la località Acqua Fidia è previsto un servizio navetta gratuito, dalle 9.30 alle 13.30 con partenze ogni mezz’ora dalla sede della Pro Loco in via Ramino Marcone; saranno inoltre attrezzati punti ristoro e aree picnic a disposizione dei partecipanti.
Per tutte e tre le giornate del Festival della Montagna sarà possibile prenotare le visite guidate gratuite del Palazzo Abbaziale di Loreto e del Museo Abbaziale di Montevergine.
Nel periodo compreso tra il 9 ottobre e il 17 novembre, il Festival della Montagna prevede una ricca serie di iniziative a cura dei sette comuni partner, pensate per rispondere alle specifiche esigenze dei diversi tipi di appassionati della montagna e per presentare al meglio le peculiarità di ogni paese.
Il 9 ottobre Ospedaletto d’Alpinolo propone i suoi “Percorsi dolciari”, da torrone alle castagne del prete, alle uova di Pasqua, ai biscotti tipici della valle del Partenio, un dolce itinerario tra prodotti di eccellenza.
Sant’Angelo a Scala, il 16 ottobre, sarà protagonista de “La montagna sconosciuta”, il CAI
guiderà in escursione al Santuario e alla Grotta di San Silvestro con birdwatching e osservazione di fenomeni naturali (appuntamento alle 8 al Castello, durata 4 ore, difficoltà semplice).
“Il Sentiero degli odori”, il 23 ottobre, si svolgerà a Summonte, sempre curata dal CAI sarà una giornata dedicata alla scoperta della botanica e della flora del Partenio (appuntamento alle 8 in Piazza del Tiglio, difficoltà semplice).
Presso la Dogana dei Grani di Atripalda, il 27 ottobre, si terrà una lettura di brani letterari sulla montagna.
Dal 3 al 6 novembre, a Pietrastornina si svolgerà una performance teatrale nell’ambito della manifestazione “Le notti delle streghe”. A Monteforte Irpino, l’11 novembre, è la volta de “Il Bosco Animato”, visita teatralizzata al bosco del Borgo San Martino.

Il “Festival della Montagna” si concluderà il 17 novembre ad Avellino, presso il Complesso Monumentale dell’ex Carcere Borbonico con il convegno dal titolo “Turismo di montagna in Irpinia: mercati, potenzialità e criticità”.
Per info e contatti: Segreteria organizzativa Festival della Montagna e prenotazioni Numero Verde 800 561884 o festivaldellamontagna@gmail.com; pagina Facebook: Festival della Montagna / Partenio; sito web www.festivalmontagna.it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...