Cronaca/Interno/Politica

Ma a far fuori Marino fu il Pd di Renzi, non i giudici

Nei casi elencati, e in molti altri, il cortocircuito tra indagini, pubblicazioni massive di atti giudiziari sui giornali e destini politici dei protagonisti è assolutamente evidente, e pone, una volta di più, l’annoso e mai risolto tema di un rapporto equilibrato tra politica e magistratura, tra giustizia penale, informazioni, diritti degli accusati, dell’opinone opinione pubblica e, in definitiva, dei fondamenti della democrazia. In molti casi ma, in vero, non in quello di Ignazio Marino. Le vicende giudiziarie lì esplodono quando il piano è già inclinato, e per volontà politica. Quando i fatti precipitano, infatti, e siamo appunto a un anno fa, Ignazio Marino non era ancora indagato per la vicenda degli scontrini, ma solo per quella della Onlus Image, dalla quale pure è stato assolto oggi perché il fatto non costituisce reato, e quindi sempre con formula piena. La sua iscrizione a registro degli indagati per la vicenda Image viene resa nota da Libero a fine estate, il 5 settembre 2015, ma il pressing politico su Marino è già iniziato da un pezzo. Per la precisione, almeno da Giugno, quando un Matteo Renzi reduce dalla prima battuta d’arresto seria da quando è premier (le elezioni amministrative regionali, con la batosta veneta ma soprattutto con la sconfitta ligure) dice a Porta a Porta che Marino non deve stare troppo sereno. È, quella di Renzi, solo una ripresa di un discorso che era già iniziato un anno prima, e che poi l’esplodere del processo di Mafia Capitale aveva portato a congelare perché far fuori uno dei pochi politici che con la maxi-inchiesta non aveva legami sembrava effettivamente troppo per tutti. Quando negli ultimi giorni di Ottobre Matteo Orfini, commissario del Pd Romano, convince a dimettersi 26 consiglieri comunali, insomma, non è peraltro ancora nota l’iscrizione al registro degli indagati di Marino per la vicenda degli scontrini, anche se la vicenda è già esplosa e a cavalcarla sono gli stessi giornali e gli stessi politici che, nei mesi precedenti, cavalcano le inchieste di Mafia Capitale senza mai dire, ad esempio, che tra gli indagati (oggi assolti) c’è anche il presidente della Regione Lazio Zingaretti. Le notizia che arrivano dalla procura servono dunque semmai solo a suggellare una decisione, tutta politica, già presa e faticosamente fatta digerire prima.

In questo caso, dunque, il Partito Democratico non è stato succube degli atti di accusa delle procure poco attento ai sacri principi del garantismo. No, in questo caso il Pd ha utilizzato le indagini per avvalorare un processo politico che aveva già ampiamente avviato. Non difese Marino da nessuna accusa o sospetto  giudiziaria perché, da mesi, era troppo impegnato ad accusarlo. Così andarono le cose, e l’assoluzione di Marino non assolve davvero nessun altro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...