Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Luigi Bisignani: “Renzi pensa di essere in ‘House of Cards'”

renzi-referendum-840595(Luigi Bisignani per Il Tempo) – Per Renzi è un incubo: i voti del popolo del centrodestra e della Rete saranno decisivi per l’esito del referendum. Ma per riuscire a conquistarli il premier ha capito che deve cambiare strategia. Nemmeno mettere in campo a colpi di centinaia di migliaia di euro il guru del Colorado Jim Messina, abituato ad usare algoritmi e big data per acquisire consenso, è valso a qualcosa.

A spiegarglielo riservatamente ci sta pensando l’ennesimo ascoltatissimo e già un po’ spaesato astro nascente del Giglio magico: Diego Piacentini. Catapultato da Amazon a Palazzo Chigi, ha subito afferrato che l’Italia è talmente indietro che, a differenza degli Stati Uniti, è impossibile individuare per via informatica i profili degli elettori.

Persa per strada la carta del ‘convincimento digitale’, Renzi ha quindi iniziato una forsennata campagna elettorale. Grazie alla sua resistenza fisica, sembra essersi messo in aspettativa dall’incarico di Premier per un feroce tour da uomo solo al comando. Ricorda Silvio Berlusconi, con la differenza che il Cav ha sempre tranquillizzato gli elettori mentre lui sta passando come uno che insegue soprattutto il potere.

Anche la militarizzazione dei programmi della Rai verso il Sì, con un fuoriclasse come Bruno Vespa incantato e protettivo verso Maria Elena Boschi, sta diventando un boomerang. Tutto a vantaggio de La7 che, con costi bassi e un irresistibile Maurizio Crozza, ha trovato una sua identità per il No, attraente anche per l’incattivito popolo del web che deride i ministri obbligati dal Presidente del consiglio ad andare in tv.

Forse se torna ad essere il primo Renzi, un po’ guascone, senza troppi guru e scorte al seguito che paralizzano le città al suo passaggio, può recuperare. Ma sa bene che, comunque vada il referendum, il 6 dicembre verso le 12 lo attende al Quirinale Sergio Mattarella, che gli chiederà una profonda verifica della sua base parlamentare e dell’azione di governo perché non vuole le elezioni anticipate.

One thought on “Luigi Bisignani: “Renzi pensa di essere in ‘House of Cards'”

  1. A mio parere Renzi dovrebbe tranquillizzare il popolo di sinistra, comunque vada va fatto un referendum il cui contenuto deve andar bene alla maggior parte delle persone e dei partiti perché si sta modificando la Costituzione. Poi quel che accadrà si vedrà, ma sono di parere positivo. PD o M5S (o eventualmente altro), l’importante è che ci siano le persone valide, siamo in una democrazia e i partiti si possono alternare, portando ognuno le loro ricchezze, le loro perplessità, facendo in modo di sbagliare il meno possibile per il bene del Paese e del suo Popolo. E’ un periodo delicato, dovremmo essere tutti uniti e sbirciare i segnali che ci provengono dal resto del mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...