Cronaca/Interno/Politica

Proteste-Rai! Sembra di essere tornati ai bei tempi di Berlusconi

renzi-referendum-spot-rai-841447(Monica Rubino per La Repubblica) – La polemica sul quesito referendario investe le reti Rai. Questa volta nel mirino delle opposizioni c’è lo spot istituzionale di Palazzo Chigi sul referendum costituzionale del 4 dicembre mandato in onda in questi giorni dalla tv pubblica. Nel video scorre il testo dei quesiti letti dalla voce di uno speaker, che ricorda infine la data del voto. E secondo alcuni esponenti del fronte del No, il solo fatto di elencare le domande è di per sé un invito a votare per il Sì.

Il primo ad attaccare la Rai è il capogruppo dei deputati di Forza Italia Renato Brunetta, che promette un esposto contro la presidente Monica Maggioni: «Lo spot è una chiara violazione della par condicio», scrive inizialmente su Twitter. Poi l’affondo: «Intendo denunciare Maggioni in ogni sede, all’Agcom, alla Commissione di Vigilanza Rai e alla Procura della Repubblica. Ieri il premier Matteo Renzi ha parlato per quaranta minuti di referendum al programma di Massimo Giletti e non doveva essere lì».

Nella polemica entra anche il deputato di Ap Alessandro Pagano che parla di «spot truffa, chiara propaganda per il Sì al referendum» e chiede l’intervento dell’associazione dei consumatori Codacons. Il senatore della Lega Nord Roberto Calderoli, invece, sottolinea: «Non bastava un quesito ingannevole stampato sulla scheda. Da un paio di giorni i cittadini sono bombardati sulle reti Rai dallo spot con lo stesso messaggio falso e fuorviante».

Da parte sua la Rai è sicura di essere nel giusto e respinge le accuse ai mittenti. Intanto se la Vigilanza approverà domani le disposizioni per tribune, confronti e messaggi autogestiti, il resto dei palinsesti dovrà adeguarsi alle direttive della legge sulla par condicio del 2000. Stop allora ai soggetti politici nei programmi di intrattenimento, sì alla loro presenza in approfondimenti e trasmissioni ricondotte sotto la responsabilità delle testate, dall’Arena a Che tempo che fa a Gazebo, nel massimo equilibrio tra le posizioni del sì e del no. A farne le spese saranno anche docenti, scrittori, scienziati che abbiano aderito ai comitati referendari: sono considerati “soggetti politici”, pure se parlano di altri temi.

Contrariamente a quanto denunciato da Brunetta, Giletti ha potuto invece ospitare ieri nel salotto dell’Arena su Rai1 il presidente del Consiglio, atteso anche domani sera da Gianluca Semprini a Politics su Rai3. Lo stesso Semprini, dalla prossima settimana, si occuperà stabilmente del referendum con modifiche al format. E oltre ai normali approfondimenti, da Uno Mattina a Linea Notte, da Agorà a In mezz’ora, sono in arrivo spazi dedicati: tre speciali di prima serata su Rai1, il mercoledì a novembre, curati daPorta a porta con il Tg1.

Sempre su Rai1 dieci appuntamenti in “access prime time”, la mini-fascia che segue il telegiornale della sera, dal lunedì al venerdì nelle ultime due settimane prima del voto. E, infine, su Rai2 dal 24 ottobre, per quattro settimane, una striscia informativa dalle 21 alle 21.10 a cura del Tg2. Un piano speciale annunciato in cda dal direttore generale Antonio Campo Dall’Orto che l’opposizione aspetta al varco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...