Cronaca/Fisco/Interno/Politica

Equitalia, arriva il Grande Fratello della riscossione. Setaccerà conti, patrimoni, stipendi e pensioni dei contribuenti

Il decreto fiscale cancella gli interessi sulle cartelle ma potenzia “ai fini della riscossione” la capacità informativa dell’esattore che potrà accedere all’anagrafe dei tributi e alle banche dati di Tesoro ed Entrate, compresi i rapporti finanziari trasmessi da banche, poste, intermediari. Dal provvedimento si attende un aumento del gettito per pignoramenti pari a 483 milioni di euro

equitalia(di – ilfattoquotidiano.it) – Conti correnti, depositi, immobili e auto. Signore e signori, arriva il Grande Fratello della riscossione, la vera contropartita alla clemenza verso i debitori sugli interessi della cartella. Dal 1 luglio 2017 la nuova Equitalia potrà “vedere” anche la consistenza del conto del contribuente, di quali rapporti finanziari è titolare, l’ammontare del suo stipendio o della pensione, la consistenza dei suoi patrimoni immobiliari. Una radiografia completa per scovare saldi attivi sui quali imporre la riscossione dei tributi. E’ la misura del decreto Fiscale in Gazzetta da lunedì 24 ottobre, che traduce in concreto il vero motivo dell’incorporazione di Equitalia dentro l’Agenzia dell’Entrate che non si limita al cambio del nome o  a un mero travaso di compiti, facoltà e poteri già conferiti ma potenzia la “capacità informativa” dell’esattore, aprendogli le banche dati che erano possesso semi-esclusivo dell’accertatore. In poche righe il decreto autorizza la nuova Equitalia ad utilizzarle “ai fini della riscossione”, superando così il nodo del bilanciamento tra le esigenze di gettito degli enti creditori e la garanzia del diritto alla privacy.

Gli effetti del “potenziamento della riscossione”, come titola l’articolo della norma, si annunciano prodigiosi: solo nel 2017 e solo per i pignoramenti, stando alla relazione tecnica che accompagna il decreto, i volumi di riscossione dovrebbero aumentare di 483 milioni di euro. Il calcolo è stato fatto prendendo in esame consistenza e andamento dei pignoramenti presso terzi nel 2015. Da un’analisi a campione – si legge – il 40% (95.600) delle attività derivano dalla banca dati dei Rapporti Finanziari e solo il 18% di questi hanno generato una riscossione media di 5.700 euro per ciascuna azione positiva o parzialmente positiva. Nel 2016 – da gennaio a settembre – la produzione di volumi è aumentata di 300mila procedure. “Potendo meglio indirizzare la disponibilità di informazioni aggiuntive, si stima un sensibile incremento nell’efficacia della riscossione, stimato in 483 milioni”.

Se la cartella si sgonfia, come ripete il premier Renzi, la pupilla del riscossore si dilata per vedere da vicino quel che non aveva mai potuto guardare. A partire dall’Anagrafe tributaria per arrivare ai rapporti previdenziali, di lavoro o di impiego contenuti nella banche dati Inps e Inail e senza dimenticare i rapporti finanziari intrattenuti dai contribuenti italiani trasmessi alle Entrate da banche, poste, intermediari, Sgr etc. Uno scrigno, quest’ultimo, che solo per il 2015 vale 500 milioni di informazioni pervenute all’Agenzia. E che ora saranno terreno di caccia per il Grande riscossore nazionale che non li poteva esplorare, almeno finora. Equitalia, per fare un esempio, riusciva a sapere dell’esistenza di un conto corrente, non poteva saperne la consistenza.

Gli accessi a questo tipo di informazioni sono da sempre impediti o solo parzialmente consentiti con banche dati di secondo livello messe a disposizione dalle diverse strutture interessate. Nel caso dell’Inps, ad esempio, Equitalia poteva accedere a un sistema (Arco) che le consentiva di acquisire solo alcuni dati di sintesi presenti nelle dichiarazioni dei redditi dai quali desumere l’esistenza di rapporti di lavoro e pensionistici. Ma era un dataset chiuso e raramente  aggiornato, zeppo di informazioni e rapporti che potevano anche essere cessati nel frattempo, quindi parzialmente utili all’attivazione tempestiva e mirata dell’espropriazione presso terzi.

Il riscossore era dunque costretto a svolgere una mole di lavoro spesso improduttivo che in ultimo risolveva alla disperata, tentando azioni di recupero coattivo a ripetizione e pignoramenti simultanei, vere afflizioni dei contribuenti iscritti a ruolo. Forse anche questo cambierà. La nuova Equitalia potrà anche scrutare nel Pubblico registro delle automobili per verificarne il  possesso e in caso provvedere direttamente all’attivazione delle operazioni di fermo amministrativo dei veicoli. Nella speranza, dice il bicchiere mezzo pieno, di sollevare il contribuente che salda il debito dal doversi recare presso una delegazione Aci per le operazioni di cancellazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...