Cronaca/Interno/Politica

Premier in tv: tour de force contro tutti

Il premier che ha dato una decisa accelerazione al battage a favore del “Sì”

Matteo Renzi ospite a ''Porta a Porta''( ilgiornale.it) – Politicamente è probabile cambi poco, perché comunque vada la campagna referendaria di qui al 4 dicembre è altamente difficile che una vittoria del «No» non venga messa in carico a Matteo Renzi, aprendo quindi le porte ad una crisi di governo.

Detto questo, i pochi dubbi che potevano esserci si sono andati dissolvendo nelle ultime 48 ore, con il premier che ha dato una decisa accelerazione al battage a favore del «Sì». È una vera e propria maratona quella del leader del Pd, condotta in prima persona con appuntamenti in giro per l’Italia (sabato scorso Palermo, Trapani, Taormina e Messina, oggi Napoli e Avellino, sabato piazza del Popolo a Roma) e, soprattutto, con una lunga maratona tv. Lunedì scorso alle 20 ospite in studio del Tg5, ieri a Porta a Porta su Rai1, oggi di nuovo su Canale5 a Matrix mentre venerdì sera sarà su La7 per un faccia a faccia con Ciriaco De Mita condotto da Enrico Mentana.

Una full immersion, insomma. Che mette il timbro – se mai ce ne fosse stato bisogno – su quanto il voto del 4 dicembre sia anche necessariamente un voto politico, un modo per premiare o bocciare questi quasi tre anni di governo. D’altra parte, l’esecutivo guidato da Renzi è nato con l’obiettivo di «fare le riforme» e difficilmente il suo destino potrà essere distinto da quello del referendum. È per questo, forse, che il leader del Pd ha rotto gli indugi e dato il via ad una massiccia campagna elettorale nella quale c’è solo lui contro tutti. Partendo forse un po’ in anticipo e rischiando di produrre un «effetto saturazione» sull’elettorato, fa notare qualcuno. Anche se è vero che fra poco la par condicio diventerà molto più stringente di adesso.

Quella di essere in prima linea, invece, è considerata una scelta «obbligata», perché – è la convinzione dei guru della comunicazione di Palazzo Chigi – Renzi è l’unico che davvero funziona in tv. Il premier, dunque, monopolizza e monopolizzerà tutti gli spazi televisivi concessi al fronte del «Sì», a differenza dei sostenitori del «No» costretti a dividersi il tempo.

Inevitabile, insomma, che di qui al 4 dicembre la personalizzazione della partita referendaria cresca ulteriormente. Non è un caso che Renzi sia sulle barricate come se si trattasse di vere e proprie elezioni politiche. Tanto da mettersi a dieta, così da presentarsi agli elettori nella migliore forma possibile. La stessa cosa che faceva Silvio Berlusconi prima di ogni campagna elettorale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...