Campania/Cronaca/Interno/Politica

Bacino di crisi di Caserta: “Fumata nera in Regione”

MARTEDI’ SE NON CI SARANNO NOTIZIE POSITIVE, SARA’ LA FINE.

fb_img_1478797083637CASERTA.Una riunione finita nel peggiore dei modi e lavoratori ancora senza risposta. Oggi rimane ancora abissale la distanza siderale che passa tra la realtà “quotidiana” è la realtà lavorativa di chi vive  senza sostegno economico da due anni i  problemi della società. I lavoratori sono andati via con tantissima delusione, sui loro volti disperati.  In tanti oggi fanno ancora  i sapientoni, ma soprattutto fanno finta di  non vedere con gli occhi,  oggi tutti noi ci siamo illusi e disillusi da comparse pittoresche, che siedono   vergognosamente  in Regione  i quali oggi fanno  molto meno ridere  ed iniziano a raccogliere,  con mani vuote  la rabbia drammatica dei tanti lavoratori seminata in questi anni. C’è rabbia verso la classe politica accusata  di  aver distrutto il lavoro nella nostra provincia di Caserta.  Parole solo parole, ci saranno giorni scanditi da tanta preoccupazione sul futuro lavorativo di <Terra di Lavoro>. Il nostro clima di esasperazione rimane ancora in forte aumento, affermano i lavoratori del <BACINO DI CRISI DI CASERTA>. Non è possibile che non ci siano notizie positive sulla copertura dei fondi per la Mobilità Retroattiva, i lavoratori attendono ancora il 2015, ed il 2016. Ora perché nessuno si prende la responsabilità di rispondere con decisione a questo quesito?    Il <BACINO DI CRISI DI CASERTA> questa mattina attendeva  novità su un piano occupazionale che doveva scattare per il 2017, un piano che prevedeva degli strumenti di sviluppo   che dovevano essere utili per dar vita ad una gestione ponderata dei processi di inserimento verso il lavoro, vergognatevi in maniera scandalosa, se non avviene tutto ciò si rischia una grave crisi sociale.  Altre forme di sussidio ad ora non trovano nessuna esistenza veritiera  nelle stanze  della Regione. Siamo stufi, ma soprattutto vogliamo giustizia. Non è concepibile che ci sia ancora la discriminazione tra i lavoratori, tutti devono pretendere il sostegno economico. Bisogna intervenire  coprendo  tutti i mancati pagamenti della mobilità in deroga dei mesi pregressi ( tanti lavoratori senza reddito dal 2015, ) Qui c’è in gioco il futuro di tante famiglie, non è giusto che giovani lavoratori ( nessuna accusa contro i giovani lavoratori, noi  del <BACINO DI CRISI DI CASERTA> siamo per la tutela dei nostri giovani) prendano la mobilità, mentre padri di famiglia sono tagliati fuori. Per chiudere dobbiamo assolutamente assegnare la continuità contributiva che permette agli ex operai di rimanere collegati con i contributi. Martedì ci giochiamo il futuro, ci sarà  l’unitario (CGIL-CISL-UIL) nella sede della CGIL a Via Verdi a Caserta. Se le notizie saranno negative ci sarà una grande mobilitazione dei lavoratori.Tutti noi siamo pronti a tutto, c’è da tutelare la “sopravvivenza” ma soprattutto l’umanità delle nostre famiglie. Vogliamo la legalità, ma se si continua ad inasprire gli animi, ci sarà solo la distruzione del nostro tragico capolinea.
ORA BASTA

BACINO DI CRISI DI CASERTA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...