Cronaca/Interno/Politica

Lettera italiani all’estero: esposto dei Comitati No

Il coordinamento: “I comitati per il No al referendum costituzionale hanno dato mandato a Francesco Saverio Marini di presentare un esposto all’autorità giudiziaria”

lettera-apertura-renzi( ilgiornale.it) – “I comitati per il No al referendum costituzionale hanno dato mandato a Francesco Saverio Marini di presentare un esposto all’autorità giudiziaria in ordine alla vicenda della lettera inviata da Matteo Renzi ai cittadini italiani all’estero, con particolare riferimento alla annunciata ‘contemporaneità’ del recapito della lettera stessa e delle schede elettorali, e soprattutto al mancato rilascio da parte del ministero dell’Interno al Comitato popolare per il No degli indirizzi dei nostri connazionali residenti all’estero”.

E’ quanto si legge in una nota del coordinamento dei comitati per il No. “L’iniziativa verrà compiutamente illustrata nella giornata di lunedì nel corso di una conferenza stampa”, si annuncia. E sulla stessa linea è anche la Lega che annuncia un esposto contro Renzi. Lunedì la Lega presenterà con il deputato Paolo Grimoldi un esposto in Procura “per fare chiarezza e sapere per quale ragione il ministero degli Esteri ha respinto la nostra richiesta di fornirci gli indirizzi dei cittadini italiani residenti all’estero, a cui avremmo voluto inviare una lettera per spiegare le nostre ragioni del No al referendum, mentre questi indirizzi sono stati forniti al Pd per inviare la lettera di Matteo Renzi”, ha affermato in una nota il deputato e segretario della Lega Lombarda-Lega Nord.

“Siamo di fronte ad un grave vulnus che falsifica la consultazione non permettendo alle ragioni del No di essere divulgate ai 4 milioni italiani residenti all’estero con le medesime modalità permesse a chi sostiene il Sì”. Salvini ha poi rincarato la dose: “Presenteremo denuncia nei confronti di Matteo Renzi perchè comprarsi gli indirizzi di milioni di italiani residenti all’estero per spedire la letterina sul referendum è un reato penale e ne dovrà rispondere a qualche giudice. Quando noi abbiamo chiesto questi indirizzi ci hanno detto no, c’è la privacy. Ora o paga Renzi o paga il ministro dell’Interno. Oppure vanno in galera tutti e due, vediamo se c’è un giudice che vuole fare rispettare la legge”. Anche Forza Italia attacca il premier per la vicenda della lettera agli italiani all’estero: “Ci saranno azioni unitarie delle opposizioni per far chiarezza sugli indirizzi degli italiani all’estero. “Nella lettera il premier invita i nostri concittadini a esprimersi sul referendum, non prima, però -attacca- di essersi profuso in una apologia delle ragioni del Sì, demagogica nello stile quanto falsa nel merito. L’intervento, oltre a rappresentare un’indebita e violenta ingerenza nella formazione del convincimento degli elettori, fa quantomeno sorgere il dubbio che la condotta integri anche gli estremi del reato di abuso d’ufficio. Come fa il Comitato per il Sì ad avere questi indirizzi e questi elenchi? Perché non sono accessibili anche al fronte del No? Chi pagherà?”, ha affermato il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...