Agroalimentare/Cronaca/Interno

Granosalus: calo immotivato del grano duro alla Commissione prezzi di Foggia

cciaa-fgDopo i rialzi insufficienti di questi ultimi mesi che hanno consentito al grano duro di passare da una quotazione sottocosto di 15 euro/qle (in estate) ad una quotazione di 23 euro al q.le, ieri c’è stato un cambio di tendenza assolutamente in contrasto con il mercato mondiale del grano, che viaggia su livelli decisamente più alti del mercato italiano. Lo ha dichiarato Saverio De Bonis, presidente dell’Associazione GranoSalus.

La Camera di Commercio di Foggia, che svolge un ruolo di riferimento nel mercato del grano duro italiano, – prosegue – ha infatti abbassato di 1 euro le quotazioni del duro, portando il listino a 22 euro e lo ha fatto prendendo a riferimento i dati di due transazioni: una di centomila euro ed una di cinquantamila euro, secondo le dichiarazioni rilasciate dal Segretario Di Mauro ad una folta delegazione di soci Granosalus.

Abbiamo subito fatto notare al dirigente camerale – aggiunge De Bonis – che “Non e’ possibile con appena due fatture, attestanti un volume di scambi decisamente insignificante, decidere il destino di una intera economia agricola”.

Infatti, a fronte di quotazioni internazionali del grano duro superiori di oltre 10 euro a q.le, “uno scambio di 7000 qli circa su Foggia rapportato ad una produzione provinciale di circa 12 milioni di quintali, rappresenta un volume davvero irrisorio”, fa notare Granosalus.

Una percentuale infinitesimale dello 0,00058% delle transazioni di mercato – evidenzia il presidente – rilevate da soli due operatori, in un momento in cui la stragrande maggioranza degli agricoltori non intende cedere sottocosto il proprio prodotto, non può di certo interferire sul 100% del mercato provinciale, regionale e nazionale.

La vicenda – sottolinea l’associazione di tutela dei produttori e consumatori – dimostra l’assoluta inadeguatezza del volume minimo di scambi a base delle rilevazioni e l’assenza di criteri trasparenti finalizzati a rilevare il prezzo storico, che in modo improprio si comporta come un vero e proprio prezzo previsionale: una prerogativa quest’ultima che invece per legge spetta solo alle CUN, commissioni uniche di mercato.

Questo modo di operare tende unicamente a fissare i prezzi in maniera anticoncorrenziale, falsare il mercato e indurre gli agricoltori a vendere sottocosto.

Infine, conclude il Presidente, siamo stati in Commissione a Foggia per depositare formalmente istanza affinchè la Giunta camerale consideri altri criteri per la rilevazione dei prezzi, a tutela dei consumatori, già recepiti negli indirizzi di governo nazionale, e tenga conto della nuova associazione Granosalus, che valuterà tutte le possibili azioni a tutela del mercato reale del grano duro italiano di qualità.

Ufficio Stampa GranoSalus

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...