Campania/Cronaca/Interno

Bacino di crisi di Caserta: “Condanniamo gli atti intimidatori, con la violenza non si risolve nulla”

 “CONDANNIAMO GLI ATTI INTIMIDATORI, CON LA VIOLENZA NON SI RISOLVE NULLA. MA SI RICORDI ASSESSORE PALMERI  IL TEMPO STRINGE”.
20161125_121449CASERTA. Caro assessore regionale al Lavoro  Sonia Palmeri, noi lavoratori del <BACINO DI CRISI DI CASERTA> condanniamo in maniera netta  gli atti intimidatori contro la sua persona, ribadendo che la democrazia rappresenta sempre il modello politico capace di conciliare libertà ed uguaglianza, evitando totalmente il pericolo di un minaccioso totalitarismo che si espande  su base democratica. La nostra base morale rimane sempre per noi il famoso binomio intellettuale di vita < stato morale ed  intellettuale dei lavoratori>. In secondo luogo ribadiamo che non si può rinnegare la libertà ai lavoratori di chiedere i propri diritti, ma affermiamo che la violenza non può essere il mezzo utile per esercitare la tutela di ciò che noi lavoratori  pretendiamo da due anni.  Ad oggi la situazione resta drammatica cara Dottoressa Palmeri, ci sono 1300 lavoratori che non percepiscono sostegno economico da due anni. Ora noi tutti ci chiediamo ma perché la Regione Campania non ha saputo difendersi con un decreto legislativo ad hoc, dal vergognoso “Decreto Poletti”?  Perché la Regione non ha affermato quel sacrosanto principio di uguaglianza per i lavoratori quando si parlava, di ammortizzatori sociali?   Perché avete  permesso la discriminazione all’interno della classe lavorativa del <BACINO DI CRISI DI CASERTA>?  Oggi non riusciamo più ad interpretare il meccanismo di linguaggio ma soprattutto di coercezione della coscienza, del vostro pensiero politico. Concludiamo  con questa  tesi finale: “Tutti noi lavoratori siamo arrivati a questa conclusione  che oggi c’è una scandalosa limitazione del potere dei lavoratori, i politici stanno annullando l’intera tradizione lavorativa della Regione Campania, si è persa la nostra identità morale”. Molte previsioni sulle politiche attive vengono  purtroppo a cadere, la nostra classe ad oggi esprime una tensione massima, ci sentiamo delle bestie, degli insetti in un alveare, omologati e tutti uguali forzatamente, in cui la libertà, il nostro futuro ed il nostro pensiero sono ridotti al minimo. Esprimiamo solidarietà nei suoi confronti, assessore  regionale al Lavoro Sonia Palmeri  ma allo stesso tempo chiediamo una soluzione rapida per “Terra di Lavoro”. Ci auguriamo che la Regione proponga un piano di inserimento per noi lavoratori del <BACINO DI CRISI DI CASERTA> . Basta chiacchiere,ora se c’è ancora umanità si agisca.

 

 BACINO DI CRISI DI CASERTA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...