Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Così ho scoperto la seconda vita di Titti e Renato Brunetta

renato-brunetta-moglie-115573(di Franco Bechis – Libero Quotidiano) – Ho l’impressione che quelle leggende metropolitane tipo gli americani non sono mai sbarcati sulla luna oppure le due torri non sono mai venute giù e non esiste il terrorismo non siano leggende della rete appartenente al popolo dei cinque stelle. Ieri ho sentito qualcosa di assai simile che veniva da presunti esponenti del Pd. Una collega giornalista mi ha chiamato dopo aver letto l’intervista a Titti Brunetta, che svelava di essere quella Beatrice di Maio che aveva fatto impazzire il Pd sulla rete. Titti-Beatrice era stata querelata dal sottosegretario alla presidenza del consiglio, Luca Lotti. L’ipotesi che alcuni giornali avevano avanzato è che Beatrice fosse l’account di punta del Movimento Cinque Stelle e che attraverso quel profilo Twitter si cercasse di attaccare il presidente del Consiglio dei ministri e in un caso anche il presidente della Repubblica italiana. Con l’intervista alla moglie di Brunetta che svelava di essere lei la Beatrice a cinque stelle, il caso avrebbe dovuto essere chiuso. Invece ieri mattina quella collega giornalista mi ha detto: «Ho letto quella intervista. Bella. Ma tu puoi provare quello che hai scritto?». Appena sentito sono trasecolato. Ma come? Ho l’intervista della rea confessa. Quali prove ci sarebbero migliori di questa? La collega ha replicato: «Ma puoi mostrare prove documentali?». A questo punto basito mi sono chiesto che documenti mai si potessero avere per dimostrare che un’intervista è vera. Certo ho la registrazione di quella intervista e l’ho messa on line sul sito internet di Libero. Ma nemmeno questo sembra bastare per questa nuova categoria di complottisti. Non era quello che cercava la collega. «Qui ho sentito esponenti del Pd che non credono a quello che tu hai scritto. Dicono che potresti esserti messo d’accordo con la moglie di Brunetta per coprire le responsabilità di Beppe Grillo…» Ecco qui il complottone che passerebbe da me e dalla signora Brunetta, che peraltro ieri comunicava di volermi querelare perché non aveva gradito titoli e impaginazione della sua intervista. Avremmo fatto scudo a Grillo, che peraltro credo non abbia bisogno di scudieri di tale natura: sa benissimo difendersi da solo. Non conoscevo Titti Brunetta fino all’altro giorno, mai parlato con lei. Forse non la sentirò più perché non è felice di quel che è accaduto. Da giornalista ho seguito una “pista” e ho cercato e ottenuto la conferma con quella intervista. Parlando con lei e leggendo molte chat private in cui si raccontava, penso che Titti-Beatrice fosse sincera. Per dirlo con semplicità: era grillina dentro, ed era affascinata da quel mondo. Quando ne ho parlato con uno dei leader del M5S, Alessandro Di Battista, ha sorriso amaro: «Significa che le nostre idee sono condivise perfino dai familiari di leader politici nostri avversari, che però debbono travestirsi per esprimerle in libertà». Forse è così, è quella selva di nick name che pullula sul web è indice dello scarso livello di libertà che esiste nel nostro paese. Non puoi esprimere le tue idee come vuoi, perché hai paura di vendette: sul posto di lavoro, a scuola, perfino in famiglia. Per questo mi piacerebbe che Beatrice-Titti tornasse subito ad esserci sui social network e ad esprimersi con libertà come faceva prima. Se lo farà, mi sentirò un pizzico più libero anche io…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...