Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Marcello Veneziani: “La dittatura strisciante”

laura-boldrini(Marcello Veneziani – Il Tempo) – C’è qualcosa d’inquietante che sta passando in silenzio o con deviati clamori. Sta nascendo una nuova, strisciante dittatura che nel nome dell’antirazzismo e dell’antisessismo sta producendo intolleranza, discriminazione, persecuzione.

Vi parlo di tre, quattro episodi diversi che stanno però convergendo verso un’unica ideologia. Vi cito l’ultimo, in apparenza il più neutro.

Al san Camillo a Roma, la Regione Lazio bandisce un concorso pubblico riservato ai ginecologi abortisti. La motivazione è consentire a chi vuol abortire di farlo senza imbattersi in medici obiettori di coscienza. Ma il fatto è che si crea una discriminazione vera e propria su base ideologica e confessionale: sei cattolico contro l’aborto, dunque non puoi lavorare qui. Immaginate se il criterio si dovesse estendere in tema di eutanasia, liberalizzazione delle droghe ecc. O immaginate che putiferio sarebbe accaduto se ci fosse stata una norma a contrario: per esempio in un consultorio famigliare o in un reparto maternità e neonati, il personale non può essere omosessuale o trans, perché deve curarsi di famiglia e figli… Sarebbe scoppiata la guerra civile e mediatica.

Secondo episodio noto da qualche giorno: l’Unar, un organismo governativo nato per tutelare dalle discriminazioni razziali e sessuali ha finanziato con l’attivo consenso del direttore, un’associazione gay che organizzava orge omosessuali, prostituzione ecc… L’organizzazione ProVita Onlus che si batte in difesa della famiglia e della vita, ha rivelato il nome dell’associazione gay Anddos che prendeva soldi pubblici (cioè nostri) per queste porcherie.

Terzo episodio tragico di qualche giorno fa. Un ragazzo trovato con la droga in casa dai finanzieri, si suicida. La colpa di questa disgrazia, per i media e i poteri dominanti non è della droga, del suo uso e abuso e nemmeno dei trafficanti e spacciatori. No, è del proibizionismo e magari della madre, che in un tentativo disperato di salvare suo figlio, ha denunciato il suo vizietto alla polizia.

Quarta vicenda assai più grande: le fake news, le cosiddette bufale. C’è un abuso di notizie false, dicerie, notizie approssimate nel web, che vengono maldestramente collegate a Trump e al populismo, quando in realtà sono diffuse e trasversali. A parte il fatto che le postverità sono il frutto avvelenato di un sistema dell’informazione fondato sulle pre-falsità, cioè sul falso programmato, la fabbrica del fango per i nemici come Trump, Lepen o i nostrani (non quella che fu attribuita ai giornali che denunciarono le malefatte dei Fini-Tulliani che si sono poi rivelate fondate), i pregiudizi nel nome del politically correct.

Ma la cosa più grave è un’altra. Si sta cercando nel nome delle bufale di filtrare e dunque di censurare l’informazione e la rete. Tramite finti neutrali logaritmi che oscurano le parole vietate, tramite commissioni di censura come la task force a caccia di bufale creata dalla commissione europea, East stratCom,  o tramite appelli e pressioni a Zuckenberg e facebook di filtrare messaggi ritenuti razzisti o sessisti.

L’ultimo è della prefica nostrana del politically correct, la Boldrini. Di fatto si sta sollecitando la nascita di un tribunale speciale dell’inquisizione radical, per esercitare una vera e propria censura ideologica. Chi stabilisce le parole che si possono dire e quelle che sono impronunciabili, e in base a quali paradigmi?

Perché si possono vantare pratiche sessuali di vario tipo o atteggiamenti blasfemi ma non si possono assolutamente mettere in discussione dogmi storici omosessisti, filotrans, progay, per non dire antifamigliari, antinazionali, antireligiosi? Questa censura sarebbe il coronamento delle leggi speciali che trattano come reati alcune opinioni.

Si, diciamolo alto e forte, è in atto un tentativo di instaurare una dittatura strisciante, fintamente umanitaria, pedagogica ma sottilmente isterica, intollerante, censoria verso la “trascurabile maggioranza dei popoli” che non appartiene alle minoranze protette e ai migranti clandestini.

È il momento di reagire in modo deciso e composto, a partire dalla denuncia sistematica di ogni episodio. Poi, se ci fossero forze politiche serie e coerenti, in grado di trasformare le denunce in propositi e iniziative…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...