Cronaca/Inchieste/Interno/Politica

Consip: Marroni non ritratterà, da semplice persona informata sui fatti diventerebbe indagato

(Luigi Roma per Corriere.it) – Luigi Marroni, l’ amministratore delegato di Consip, sta lavorando al nuovo sistema di gare della società che si occupa degli acquisti per la pubblica amministrazione. Un modo per correggere il tiro, dopo i sospetti di irregolarità e l’ inchiesta arrivata a toccare il governo. Ma soprattutto il tentativo di rendere normali giornate che normali non sono affatto.

Davanti ai magistrati di Napoli, Marroni ha parlato di pressioni da parte di Tiziano Renzi, il padre dell’ ex premier, e del senatore Denis Verdini.

Cosa può fare adesso, che il caso da giudiziario sta diventando sempre più politico? Come reagirà a quella sensazione fastidiosa, crescente, confidata a qualche amico, di essere stato identificato come il capro espiatorio necessario per salvare il ministro dello Sport, Luca Lotti?

Il rischio calunnia

Difficile che possa ritrattare. Da semplice persona informata sui fatti diventerebbe indagato con l’accusa di calunnia.

Rischierebbe diversi anni di carcere e a quel punto dovrebbe anche lasciare il suo incarico, come ha già chiesto il ministro Graziano Delrio e come ha lasciato intendere lui stesso quando ha detto «se indagato valuterei le dimissioni». Ma non c’ è soltanto il codice penale a escludere la sua marcia indietro. «Solo un pazzo si sarebbe potuto inventare quelle accuse», ha confidato in queste ore Marroni ai suoi collaboratori.

Perché l’ avrebbe fatto? Perché, soprattutto, avrebbe mirato così in alto, fino al padre dell’ ex premier?

L’ interrogatorio

Nessuna ritrattazione, dunque. Ma la possibilità di alleggerire le sue accuse, sostenendo di essere stato messo sotto pressione durante un interrogatorio difficile, a tratti anche aspro. E l’ intenzione di respingere ogni accusa sul fatto di aver favorito le ditte di Alfredo Romeo. Con due fogli che da giorni sono sul suo tavolo. Il primo è una tabella excel con gli importi delle gare vinte da Romeo negli anni passati, prima che lui arrivasse in Consip. Nel 2007, 175 milioni di euro, nel 2010 128, nel 2012 363.

«Romeo c’ era anche prima di me».

Il secondo è la richiesta fatta da Consip alle ditte di Romeo: una cauzione da due milioni di euro per irregolarità in un’altra gara. Una somma che Romeo non ha pagato e per la quale è in corso una causa. «Non saremmo a discutere in tribunale se l’ avessimo favorito, no?».

L’ ipotesi risarcimento

Almeno per il momento, quindi, Marroni resta al suo posto. Due giorni fa è stato il ministro dell’ Economia Pier Carlo Padoan a dire in Parlamento che non ci sono le condizioni per farlo decadere. Una difesa nel merito ma soprattutto nel metodo. Perché in caso di rimozione per «via politica» e senza un solido fondamento giuridico, Marroni potrebbe fare causa al Ministero che l’ ha nominato. Il governo lo sa. E vuole evitare un danno economico e di reputazione.

Resta una terza opzione, però. Se la pressione dovesse continuare e anche salire di tono nei prossimi giorni Marroni potrebbe decidere di essere lui a lasciare. Rinunciando a qualsiasi forma di risarcimento. Ma anche confermando tutte le accuse, fino in fondo e senza nessun alleggerimento.

Sembra una partita a scacchi, con avvertimenti, ricatti, veti incrociati e una buona dose di cattiveria. Del resto gli scacchi sono il gioco più violento del mondo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...