Campania/Cronaca/Interno

Il 30 Marzo sarà la resa dei Conti finale per i lavoratori del Bacino di crisi di Caserta

CASERTA. L’inferno non è ancora finto per i lavoratori del <BACINO DI CRISI DI CASERTA>. Questa storia infernale continua da 25 mesi, nessuno dei lavoratori riesce a capire la fine di questa vicenda. Dall’Unitario tenuto Sabato scorso dalle tre sigle sindacali nella sede della Cgil di via Verdi i lavoratori hanno deciso di essere presenti  con determinazione con i sindacati il 30 Marzo al tavolo con il sottosegretario Franca Biondelli. I lavoratori vogliono essere presenti a questi passaggi che da questo momento diventano fondamentali.  “Bisogna finirla di giocare sulla pelle nostra, vogliamo capire in maniera definitiva i motivi che hanno escluso i lavoratori del 2015 dalla mobilità- così dichiara Giuseppe Arciprete lavoratore Ixfin – Stiamo perdendo la pazienza la mancata deroga della mobilità per il 2015 per noi lavoratori risulta essere un dannoso problema. Vogliamo sapere se ci saranno piani di ricollocazione per i lavoratori dopo i corsi di formazione retribuiti. L’ennesima vergognosa azione politica non può passere senza nessun interesse, ora vogliamo invadere Roma.  Arcangelo Roseto ribadisce anche lui il dissenso dei lavoratori: “L’ex rappresentante sindacale lavoratore Ixfin  anche lui, afferma un concetto fondamentale –   vogliamo capire  la motivazione del perché questi  accordi governativi non vengono modificati dalla regione. ” Non c’è la facciamo più, c’è il rischio di una crisi umana per le nostre famiglie, cari politici spiegateci in maniera definitiva perché c’è questa discriminazione per i lavoratori del 2015.  Ora i signori politici devono rimboccarsi le maniche ed assumersi l’onore di spiegare cosa vogliano fare  con la provincia di Terra di Lavoro, ma soprattutto vogliamo capire il futuro per lo sviluppo del  lavoro a Caserta. Ai sindacati dichiara il Arcangelo Roseto noi lavoratori chiediamo la motivazione che ha portato l’esclusione  di Caserta dalle aree complesse di crisi. “Noi saremo sempre dalla parte dei lavoratori, i sindacati faranno l’impossibile per tutelare la realtà lavorativa del <BACINO DI CRISI DI CASERTA>- così afferma il segretario della Cisl di Caserta Giovanni Letizia. Faremo l’impossibile per aiutare i lavoratori del 2015 discriminati. L’accordo di Novembre risulta essere un grave danno politico per i lavoratori: si è sbagliato clamorosamente unire il significativo atto che riguarda sia i piani di politiche attive, sia i piani di politiche passive, tutto questo ha portato ad oggi una clamorosa  negativa disparità tra i lavoratori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...