Campania/Cronaca/Interno/Politica

Napoli, Mara Carfagna: “Approvare il piano comunale sull’Anm non scongiura crac ed è un atto di fede”

“La delibera 132 del Comune di Napoli non scongiurerà il crac dell’Anm, in crisi atavica. Ci chiedono di approvare un atto di fede senza perizie ma con quelle che l’ assessore Palma ha definito valutazioni di massima. Poi ci spiegherà a quale categoria giuridica appartengono.  Il piano di risanamento è un piano di guerra ed è illegittimo, insostenibile e sembra suggerito dalle banche per contrastare l’ enorme esposizione debitoria dell’ azienda. Alleggerirsi la coscienza affermando che i trasporti sono in crisi ovunque è poco credibile. Risulta infatti che su 116 aziende pubbliche, solo 23 sono in perdita mentre il resto è in equilibrio. La situazione finanziaria dell’ Anm è drammatica: nel 2015 ha chiuso con perdite per 42 milioni di euro e altre perdite fino a novembre 2016 per 27 milioni di euro. Il patrimonio netto è arrivato a 8 milioni di euro. I crediti verso il Comune (cattivo pagatore) ammontano a 130 milioni di euro, producendo ulteriori costi per oneri finanziari per oltre un milione e mezzo. I debiti della partecipata ammontano a 180 milioni. I ricavi del 2016 si sono ridotti di circa 20 milioni rispetto al 2015, con un tasso di riscossione da ticket del 24 per cento pari a 40 milioni di euro. Com’ è stato possibile arrivare ad uno stato di crisi così avanzato? Puntare il dito contro il taglio dei trasferimenti è un alibi che non regge più perché ha riguardato anche altri Comuni e Regioni che nonostante questo non hanno aziende di trasporti in deficit. Questa amministrazione non prova a fare autocritica e preferisce puntare il dito contro le responsabilità degli altri. E se non si fa autocritica si ripetono sempre gli stessi errori. Da cosa dipendono i ritardi nei flussi di cassa del Comune? Perché il primo piano dell’ Anm è abortito così miseramente? E perché l’ amministrazione de Magistris continua a perdere oltre 100 milioni di euro l’ anno per tasse non riscosse? Il Comune eroga per le partecipate oltre 400 milioni di euro ossia il 40 per cento della spesa contabile iscritta al bilancio, cifra non sostenibile se si pensa che il Comune di Napoli è un ente sottoposto al piano di riequilibrio, quindi ha un bilancio ingessato e pochi margini di manovra. D’ altronde questa è un amministrazione che naviga a vista, arranca e circumnaviga i problemi, rinvia le soluzioni sperando che i problemi si risolvano da soli e lascia degenerare le crisi. I conti poi non tornano. Ci chiediamo come farà l’ Anm costata 225 milioni di euro nel 2015 a costare nel 2017 magicamente 180 milioni di euro, ossia 45 milioni di euro in meno già da quest’ anno, quando poi è in previsione un risparmio di 39 milioni di euro ma solo tra tre anni. E la scelta di fare cassa aumentando la spesa per i cittadini con aumento delle tariffe dei biglietti e dei parcheggi è profondamente ingiusto. Due potrebbero essere le soluzioni: potenziare la riscossione e accelerare sul bacino unico che integrerebbe il trasporto urbano con quello interurbano mediante il conferimento dei due rami (Anm e Ctp) ad un soggetto unico. Questo permetterebbe di riorganizzare le aziende attraverso una migliore allocazione del personale, una razionalizzazione dei mezzi in uso, ed un efficientamento del servizio. Si potrebbero cosi gestire meglio le risorse trasferite dalla Regione e anche ottenerne altre. Certo questo impone un dialogo istituzionale, che resta un miraggio per un’ amministrazione così litigiosa”. Così Mara Carfagna deputato e consigliere comunale a Napoli di Forza Italia durante il suo intervento in Consiglio comunale a Napoli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...