Cronaca/Interno/Politica

Legge elettorale, Renzi e Berlusconi verso l’accordo (anti-5Stelle)

Metà proporzionale e metà collegi uninominale

(Di Alberto Maggi @AlbertoMaggi74 – affaritaliani.it) – Una legge elettorale proporzionale senza premio di maggioranza ma con un bonus implicito nel provvedimento stesso. Ecco la base di intesa alla quale stanno lavorando in queste ore massimi esponenti del Partito Democratico, di Forza Italia e della Lega. La bozza di accordo prevede che il 50% dei alla Camera (300) e il 50% dei seggi al Senato (150) – i restanti spettano agli italiani all’estero – venga eletto con un sistema proporzionale con sbarramento al 4 o 5% (Alfano e i centristi ovviamente spingono affinché l’asticella sia più bassa possibile) con i capilista bloccati e gli altri scelti con le preferenze e (50% uomini e 50% donne). Ma l’altra metà dei parlamentari a Montecitorio e a Palazzo Madama verrebbe eletto con un sistema di collegi uninominali (300 per la Camera e 150 per il Senato) con i quali suddividere il territorio nazionale in base alla popolazione. In questo modo – spiegano ad Affaritaliani.it alcuni attori dell’iniziativa in Parlamento – di fatto verranno premiate le coalizioni (consentite nel maggioritario) o i partiti e le liste che raccolgono un maggior numero di voti.

In questo modo, secondo alcuni calcoli effettuati dai parlamentari che stanno lavorando al progetto di legge, una coalizione o un partito con il 40% dei consensi, calcolando la parte proporzionale e quella uninominale, avrebbe la maggioranza in entrambi i rami del Parlamento anche senza la presenza di un premio prestabilito. Due sono i punti politici fondamentali che emergono da un provvedimento di questo tipo. Il primo è che una legge di questo tipo sfavorisce nettamente i 5 Stelle i quali dovrebbero, per poter governare da soli, arrivare intorno al 40% e vincere nella metà dei collegi uninominali. Mission quasi impossible. Il secondo punto è che questo tipo di riforma consentirebbe tanto a Renzi quanto a Berlusconi di tenersi aperte due strade. O governare con i rispettivi alleati storici, per il leader del Pd o la sinistra o i centristi e per l’ex Cavaliere la Lega e Fratelli d’Italia (dipenderà sia dai numeri sia dall’unità di vedute), oppure nel caso possibile nessun schieramento ottenga la maggioranza in Parlamento dar vita ad una Grande Coalizione modello Germania e governo Enrico Letta. Questo sistema, infatti, a differenza dell’attuale Italicum modificato dalla Corte Costituzionale, quasi certamente consentirebbe numericamente un’alleanza Pd-Forza Italia-centristi. E quindi, tecnicamente, sia Renzi sia Berlusconi, anche se dovesse vincere le elezioni con i loro alleati storici, potrebbero comunque dopo il voto decidere di governare insieme lasciando i loro partner.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...