Cronaca/Interno/Politica

Il telemarketing? In quel testo c’è molto di peggio

DDL CONCORRENZA – RENZI S’ACCORGE DI UN PICCOLO FAVORE AI CALL CENTER E SCORDA I REGALI MILIARDARI A BANCHE, ENEL & C, SOCIETÀ DI CAPITALE…

(di Marco Palombi – il fatto quotidiano) – Ovviamente a Matteo Renzi non interessa granché della norma sul telemarketing con cui ora minaccia la crisi di governo: gli serve per tenere sotto schiaffo Gentiloni. Tanto è vero che fu introdotta nel ddl Concorrenza quando lui era ancora al governo e che si tratta di una bazzecola rispetto alle porcherie inserite in quel testo dal suo governo o dalla sua maggioranza. Venduto come un ddl a tutela dei consumatori, è in realtà la “legge delle lobby”.

Call center

Quanto al telemarketing si parla di questo: un emendamento – presentato da tre senatori M5s e approvato col parere positivo di relatori e governo a marzo 2016, piena èra Renzi – prevede che il cittadino disturbato da un call center debba dare “esplicito consenso” al prosieguo della telefonata. Problema: la norma dimentica il (peraltro inefficace) “Registro delle opposizioni”, cioè il registro a cui può iscriversi chi non voglia mai essere disturbato. Questo concede, insomma, ai call center il diritto, per così dire, a scocciare chiunque almeno una volta (almeno perché la norma è scritta talmente male che, volendo, potrà farlo sempre). Una cosa importante, ma decisamente secondaria per due motivi: 1) il “Registro delle opposizioni” finora è servito a nulla; 2) dentro quella legge c’è assai di peggio. Un breve elenco delle cose più gravi.

Enel & C.

Cosa dimentica invece l’ex premier? Intanto la norma più grossa: la fine del “mercato tutelato” nel settore dell’energia elettrica. Riguarda 20 milioni di famiglie e 4 milioni di aziende che si sono rifiutate di aderire al “libero mercato elettrico” e hanno contratti in cui le tariffe sono decise dall’Autorità per l’energia e inferiori del 20% rispetto alle altre. Dal 1 luglio 2019 tutto finito: 24 milioni clienti, al 75% di Enel, se non avranno scelto un nuovo fornitore entro quella data, come ha spiegato Giorgio Meletti sul Fatto, verranno consegnati a un unico fornitore che praticherà tariffe così alte da consegnarli al libero mercato. C’è scritto: “A condizioni che incentivino il passaggio al mercato libero”.

Banche

Il favore è indiretto. Il ddl Concorrenza, infatti, apre il mercato dei lavori privati alle società di ingegneria, che siano costituite in forma di società di capitali o cooperative (finora potevano lavorare solo nel pubblico). In sostanza, gli istituti di credito – come tentano di fare da anni- potranno aprirsi la loro società di ingegneria e monopolizzare per questa via l’intero mercato delle abitazioni private: mutuo, assicurazione, agenzia immobiliare e ristrutturazione della casa tutto in un unico pacchetto. Come ha spiegato Armando Zambrano al fattoquotidiano.it: “La norma avrebbe un impatto devastante: aprirebbe alle banche un campo in cui già ora hanno una presenza determinante”.

Farmacie

Le società di capitali entrano anche nel settore farmaceutico: una singola società potrà, infatti, possedere fino al 20% delle farmacie di ogni singola regione. Nel Lazio, per capirci, 300 su 1.500: cinque società potrebbero monopolizzare l’intero settore. I farmacisti, che si sono dovuti inchinare al potere dei soldi, incassano almeno l’uscita dal testo della legge della possibilità di vendere i farmaci di fascia C anche nelle parafarmacie.

Assicurazioni

È la lobby che ha avuto più difficoltà: il governo Renzi ci ha provato, ma ha dovuto arrendersi alla cancellazione alla Camera del taglio dei risarcimenti per i macrodanni subiti in un incidente stradale (da lesioni permanenti a morte). L’Ania ha comunque portato a casa almeno due norme a suo favore: un codice processuale suo, in cui chi fa un incidente deve indicare i suoi testimoni subito altrimenti non può più farlo e la sospensione unilaterale della pratica risarcitoria se l’assicurazione ha il “sospetto”, non meglio precisato, che ci sia una frode in corso ai suoi danni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...