Agroalimentare/Cronaca/Interno

Granosalus: per Coldiretti il grano canadese è buono se non è anziano

In un articolo apparso ieri sulla Gazzetta del Mezzogiorno il direttore di Coldiretti Basilicata focalizzava l’attenzione sull’età dei grani importati, ma non sulla loro qualità tossicologica. Il direttore dimenticava, forse, che un buon grano si può conservare a lungo come si faceva un tempo nelle nostre fosse. Nessuna azione concreta a tutela del principio di precauzione.

Tra i tanti accordi di filiera annunciati da Coldiretti si è aggiunto quello lucano. Il pastificio De Sortis avrebbe siglato un accordo per la vendita di pasta 100% lucana con  la fornitura del grano che dovrebbe arrivare direttamente da Coldiretti Basilicata.

In realtà la pasta è già in commercio e presenta un tenore proteico basso pari all’ 11%.

Si tratta ovviamente di quantità ancora limitate: i quantitativi dell’accordo non sono stati resi noti così come i prezzi e le caratteristiche reologiche e tossicologiche. Del resto, il pastificio De Sortis, che sinora ha lavorato prevalentemente all’estero, adesso vorrebbe espandersi nel mercato nazionale con un prodotto 100% lucano che potrebbe avere uno spazio sicuramente interessante.

Nel caso dell’ accordo con il biscottificio Di Leo, i 5 mila qli di grano tenero forniti da Coldiretti copriranno solo una piccolissima parte del fabbisogno industriale.

In realtà, l’ azione di Coldiretti appare più improntata ad operazioni d’immagine che di sostanza.

Del resto, se la sua dirigenza sulla questione del grano canadese importato riduce il tema della qualità ad un problema di età, ciò la dice lunga sul livello di conoscenza tecnica. Il colpevole ritardo con cui vengono affrontati certi aspetti di salute pubblica e di economia agricola, non è ammissibile da una simile organizzazione. Sfugge infatti alla dirigenza Coldiretti che il prezzo del grano tenero ha superato ormai quello del grano duro, senza che le misure anticrisi sbandierate davanti al Mipaaf il 20 luglio scorso, abbiano prodotto qualche effetto utile agli agricoltori del comparto.

Anzi, da Luglio 2016 ad oggi, la situazione appare peggiorata, ma Coldiretti non dice nulla. Si riempie la bocca di filiere fasulle senza spendere parola sulla qualità tossicologica delle scorte mondiali, sui limiti dei controlli doganali, sulle triangolazioni, sulle miscelazioni vietate, sui divieti violati, sulle norme disarmoniche, sulle speculazioni….e, dulcis in fundo, sul decreto attuativo CUN. Il famoso decreto attuativo di cui si aspetta l’emanazione da circa due anni nel silenzio delle organizzazioni di categoria, tutte supine ai voleri dell’industria!

Il direttore Manzari, nell’articolo della Gazzetta, sorvola perfino sul tema dei contaminanti su cui GranoSalus, con prove alla mano, ha fatto parlare di sè tutta Italia, mettendo con le spalle al muro i pastai e portando in Tribunale le analisi. Egli conclude che oltre alla fantomatica etichettatura d’origine – con funzione pre e post elettorale (vedi latte) – debba essere indicata anche l’età del grano nella busta, la sua data di raccolta, con divieto di utilizzare solo il grano extra comunitario oltre i 18 mesi dalla data di raccolta. E quello giovane di età inferiore ai 18 mesi può definirsi di qualità?

Caro direttore Manzari, a prescindere dalla simpatica trovata dell’età del grano, noi vorremmo sentire da lei se è vero o non è vero che il grano canadese contiene glifosate, don e cadmio? Non è l’età del grano che fa male alla salute dei consumatori ma i residui tossici, che gli stessi canadesi ammettono di avere! E, soprattutto, vorremmo sentire dalla sua organizzazione nazionale – dopo la sbornia da manifestazioni di folclore – perchè sinora non ha invocato il principio di precauzione nelle sedi competenti a difesa della salute dei consumatori?

Ufficio Stampa GranoSalus

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...