Campania/Cronaca/Interno/Napoli

Vomero: i contenitori seminterrati della discordia

In meno di due giorni sono già 150 i sottoscrittori della petizione online, indirizzata al sindaco di Napoli, per far rimuovere i contenitori seminterrati, inaugurati qualche giorno addietro nell’isola pedonale di via Scarlatti, all’incrocio con via Luca Giordano, la cui presenza ha spaccato il quartiere tra favorevoli e contrari, con mugugni e proteste da parte di questi ultimi che li hanno paragonati ai sarcofaghi egiziani o ai “tavùti” partenopei, casse per seppellire i morti.

Promotore della petizione è Gennaro Capodanno, ingegnere, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della circoscrizione del Vomero, che si dichiara soddisfatto per i risultati sin qui conseguiti e che annuncia anche un sit-in con flash mob da tenersi nei prossimi giorni per chiedere lo spostamento dei manufatti.

” Il posizionamento di tali contenitori, che fuoriescono dal terreno per circa un metro, all’incrocio delle due più antiche e importanti strade del quartiere collinare di Napoli, via Scarlatti e via Luca Giordano, è decisamente sbagliato – afferma nella presentazione della petizione Capodanno -. I contenitori per la raccolta differenziata in tali zone devono essere totalmente interrati e posti in posizione defilata “.

” Bisognava inoltre preventivamente interpellare residenti e commercianti della zona – prosegue Capodanno – affinché potessero esprimere il loro parere sulla collocazione di manufatti con notevole impatto ambientale e visivo, come quello appunto dei contenitori in questione, aspetto che non è stato tenuto in alcuna considerazione. Per queste ragioni ne chiediamo la rimozione immediata “.

Intanto sui social network, a partire da Facebook, si scontrano le due tesi a confronto mentre lo stesso Capodanno ricorda che già  c’è stato un precedente al Vomero, quando, sempre nell’isola pedonale, alla fine del 1999 fu posizionata una fontana che non è stata mai gradita dalla maggior parte dei vomeresi ma che, dopo diciotto anni, è ancora al suo posto. Per queste ragioni lo stesso Capodanno sollecita quanti interessati, laddove condividano la proposta, ad attivarsi presso parenti e amici per dare forza all’iniziativa facendo sottoscrivere la petizione al seguente link: https://www.change.org/p/comune-di-napoli-rimuovete-i-contenitori-seminterrati-da-via-scarlatti-al-vomero

” Il mio primo obiettivo è raggiungere almeno mille firme – conclude Capodanno -. Anche se non escludo che, a breve, possa essere indetto un vero e proprio referendum, così come previsto dalle norme sulla partecipazione popolare, per coinvolgere un maggior numero di cittadini “.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...