Cronaca/Interno/Politica/Sanità

Vaccini: profilassi obbligatoria per nidi e materne

Per chi sgarra multe fino a 7.500 euro e patria potestà a rischio

Vaccini, dal prossimo anno scolastico si cambia tutto. Le punturine da quattro passano a 12: oltre ad antidifterica, antitetanica, antipoliomielitica ed antiepatite virale B, si aggiungono l’antipertosse, l’anti-meningococco B e C, l’anti-morbillo, l’anti-rosolia, l’anti-parotite, l’anti-varicella e il vaccino contro l’Aemophilus influenzae. Ma la vera svolta è un’altra: i bimbi non vaccinati non potranno essere iscritti agli asili nido e alle scuole materne (da 0 a 6 anni) e i genitori trasgressori rischiano di perdere la patria potestà. La Asl li avvertirà su date e tempi per sottoporre i figli alla profilassi, ma se mamma e papà poi si dimenticano, o se per qualunque motivo violano l’obbligo vaccinale, saranno segnalati al Tribunale dei Minori per la sospensione della potestà genitoriale.

L’obbligo è esteso anche per le elementari, le medie e per i primi due anni delle Superiori, cioè per i minorenni da 7 a 16 anni, però in questo caso si può entrare lo stesso in classe, ma si paga la multa. L’Asl convoca i genitori e li invita a procedere con le iniezioni che mancano e chi trasgredisce sarà soggetto a sanzioni salate, da 500 fino a 7.500 euro. Le multe saranno irrogate dalle Aziende Sanitarie.

Anche nella scuola dell’obbligo, il dirigente scolastico è tenuto a segnalare alla Asl la presenza a scuola di minori non vaccinati. La mancata segnalazione può integrare il reato di omissione di atti d’ufficio punito dall’articolo 328 c.p. In sintesi: senza vaccini è vietata l’iscrizione al nido e alle materne, cioè da zero a sei anni di età. Alle elementari rimane l’obbligo dell’anti-virus ma chi trasgredisce viene punito solo con un’ammenda e con il divieto di iscrizione perché prevale il diritto allo studio.

Una linea, quella della profilassi sui minori obbligatoria per legge, caldeggiata anche dal segretario del Pd, Matteo Renzi, che ha fatto dei vaccini un grimaldello nella sua strategia post-Congresso.

Lorenzin incassa comunque le maxi-sanzioni nei confronti degli inadempienti e al ministero della Salute c’è soddisfazione per il testo appena passato in Cdm, che sarà in vigore da settembre con l’inizio dell’anno scolastico.

Chi può essere esonerato dalla vaccinazione obbligatoria? Solo il bambino che abbia particolari problemi di salute documentate dal medico o dal pediatra o il piccolo che ha già avuto una delle sopracitate malattie (e dunque ne è immune).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...