Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Peppino Caldarola: “Renzi, ex politico di razza che ha inanellato solo follie e sconfitte”

Dopo le Europee 2014 ha perso ogni elezione possibile. Ha governato male e con una squadra modesta. Ora vuole un insensato accordo con Berlusconi. Ovvio che a sinistra tiri aria di “mai più con Matteo”.

(Peppino Caldarola – lettera43.it) – Matteo Renzi sembra avviarsi a grandi passi verso l’accordo con Silvio Berlusconi. Non si tratterebbe solo di un accordo sulla legge elettorale, il famoso sistema tedesco privo però della sfiducia costruttiva che è cardine di quella legge e che in Italia potrebbe essere introdotta nell’ordinamento solo con legge costituzionale. Si parla invece di un progetto per il dopo voto per quella coalizione destra-sinistra che piace al giovane direttore de Il Foglio.

PENSAVAMO AVESSE BUONI NUMERI. Nessuno di noi sa se Pd, berlusconiani e altri cespugli riusciranno a trovare i voti in Senato per la nuova legge. Una legge elettorale concepita senza consultare altre forze, a partire dai cinque stelle, detestabili ma pur sempre forza elettoralmente robusta, sembra una follia politica. Ma la vera follia politica è l’accordo coalizionale con Berlusconi. Renzi passa per un politico di razza. Molti di noi, fortemente antipatizzanti verso di lui, hanno pensato che tuttavia avesse buoni numeri. Vista l’azione di governo e vista la modestia della sua squadra questa convinzione è venuta scemando.

CAMPAGNA REFERENDARIA PESSIMA. Renzi, poi, dopo il famoso 40% alle Europee 2014 ha perso tutte le elezioni possibili. È riuscito che a perdere un referendum sulla fine del parlamentarismo perfetto con una legge fatta male e una campagna elettorale fatta peggio. Eppure nessuno mi toglierà dalla testa che una riforma che partisse da quei temi avrebbe potuto essere approvata dagli elettori se non fosse apparsa come una manipolazione forzosa della Costituzione.

Renzi continua a sottovalutare i segnali che vengono dagli elettori veri: dai famosi 600 mila voti persi in Emilia-Romagna alla fuga dai gazebo che pure ha visto ancora una importante partecipazione alle Primarie del 2017 sia pur con milioni di assenti. Questi voti, Renzi lo sa, sono voti di sinistra, non di sinistra radical, o almeno non solo, ma di sinistra riformista e di governo. È probabile che a lui queste persone non interessino, passando così dalla rottamazione dei dirigenti alla rottamazione degli elettori. Diciamo la verità: mai noi della sinistra ci siamo sentiti più sotto l’attacco di qualcuno che con Renzi.

IDEA DI PERSONALE INAFFIDABILITÀ. Io penso che questo dovrebbe spingere a politiche di sfida a Renzi per stanarlo mentre sono convinto che i veti su di lui non servano. Resta il fatto che Renzi è uno dei leader del socialismo europeo che detesta la sinistra che c’è in Italia. L’accordo con Berlusconi e questa linea di mal sopportazione della sinistra, unite al dilagare dell’idea di una sua personale inaffidabilità, non lo danno come possibile vincitore di elezioni.

Sono convinto che se ci fossero Primarie di un centrosinistra vero potrebbero scendere in campo candidati, come Giuliano Pisapia, o candidate in grado di rendergli la vita difficile. Tuttavia Renzi si prepara a andare al voto espungendo non solo le sinistre interne che si sono formate dopo la fuoriuscita di chi non ce l’ha fatta più, ma contando sul fatto che l’elettore di sinistra possa essere sostituito, ovvero gli si possa far bere la cicuta.

A MATTEO NON INTERESSA DEGLI ELETTORI. L’elettore di sinistra ha tre altre possibilità: può restare a casa, può andare con l’Alleanza per il cambiamento che oggi D’Alema sul Corriere propone per superare partiti e partitini, può votare il M5s. Può dire: mai più con Renzi. Questa è l’aria che tira a sinistra. Ma forse a Matteo non interessa. Pace all’anima sua.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...