Cronaca/Interno/Politica

Ecco come e perché Silvio Berlusconi renzeggia con Matteo Renzi

Fatti, nomi, indiscrezioni

(Paola Sacchihttp://formiche.net) – “In ogni caso Berlusconi un risultato lo ha già ottenuto: ha fatto saltare l’asse dei due “Matteo” (Renzi e Salvini) sul Rosatellum e si è rimesso al centro dei giochi, tornando di fatto anche punto di riferimento per l’area di centro messa in sofferenza dalla soglia di sbarramento al 5 per cento. Poi, ci sono tante incognite sulla strada, a cominciare dalla preoccupazione del Capo dello Stato per l’approvazione della legge di Stabilità, in caso di voto anticipato. Ma intanto, un risultato politico è stato ottenuto”. Così una fonte azzurra fotografa con Formiche.net lo stato dell’arte del “Nazareno bis” (anche se Berlusconi ha subito messo in chiaro che è sbagliato definirlo così, poiché è un’intesa solo sulla legge elettorale) sul sistema elettorale tedesco italianizzato.

È chiaro che il Cav. sta giocando la sua partita per tornare ago della bilancia e che, comunque finirà, paradossalmente stavolta lui rischia meno di Renzi il quale la certezza di elezioni anticipate la potrà avere solo dal capo dello Stato. E probabilmente Berlusconi ora potrebbe vedere realizzata la sua previsione fatta all’indomani della batosta referendaria di Renzi, nella quale fu determinante: come disse ai suoi, “se vuole dialogare di nuovo stavolta sarà a lui a doversi fidare di me”.

Non sarà un vero e proprio “Nazareno bis” e probabilmente non ci sarà nessun incontro tra i due prima delle elezioni amministrative dell’11 giugno, dove gli schieramenti di centrodestra e di centrosinistra potrebbero subire contraccolpi dalle immagini bollate, dai rispettivi oppositori interni, come “inciuciste” di Renzi e Berlusconi che si stringono di nuovo la mano.

Ecco la ragione per la quale ieri sera dal Pd è stata smentita la voce, che rimbalza da giorni, di un incontro imminente. Quindi, per ora solo telefonate Nazareno-Arcore e incontro previsto a livello parlamentare tra Pd e Forza Italia per discutere i dettagli della legge elettorale, che proprio il Cav aveva proposto, dicendosi in cambio favorevole al voto anticipato, tanto agognato da Renzi.

Su questo la partita è ancora dall’esito incerto, ma sembra che Berlusconi abbia calcolato che alla fine conviene anche a lui andare alle urne a settembre o ottobre, dal momento che non sarebbe affatto ottimista sulla celerità dei tempi con i quali da Strasburgo potrebbe arrivare una sentenza sulla sua eleggibilità. E, dicono in ambienti forzisti, “potrebbe essere anche un verdetto sfavorevole”.

Ma c’è ancora un’altra possibilità e cioè che la sentenza, anche se fosse favorevole, potrebbe non essere immediatamente esecutiva. E cioè avrebbe bisogno di una ratifica da parte del nostro parlamento, un passaggio, insomma, in cui sarebbe determinante il voto del Pd per la eleggibilità dell’ex premier e leader di Forza Italia. Ecco perché, anche in questo caso da un nuovo accordo con Renzi il Cav avrebbe tutto da guadagnare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...