Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

“Istruzioni per l’uso”: di Marco Travaglio

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Ora che pare certo il sistema elettorale tedesco, si spera che non venga snaturato con le solite stravaganze all’italiana per piegarlo alle convenienze di questo o quello. È un modello accettabile per tre motivi: viene dal Paese più prospero e meglio governato tra i grandi d’Europa; ha un impianto proporzionale ed elegge metà parlamentari con l’uninominale di collegio e l’altra metà con le liste, dunque garantisce la rappresentanza e costringe i partiti a candidare gente valida, non solo i servi del capo; e obbliga i piccoli a unirsi per raggiungere almeno il 5%, evitando la solita galassia di listarelle ricattatorie (anche se, per completare l’opera, andrebbero rivisti i regolamenti parlamentari tagliando i viveri ai mini-gruppi). Tutti dicono che è un modello fatto apposta per favorire un governo Renzusconi, magari capitanato da Carlo Calenda, il Macron de noantri. E che i 5Stelle l’hanno sposato perché non vogliono governare, ma lucrare sulle vergogne assicurate dal ritorno di Caimano&Caimanino finalmente sposi. Ma non è affatto detto. Intanto, se ogni partito peserà in Parlamento in base a quanti voti presi, senza più torsioni ipermaggioritarie, non è scontato che la somma Pd+FI faccia almeno il 50% più uno. E poi, mentre è prevedibile che Pd (più qualche frattaglia centrista), M5S e destra B.-Salvini-Meloni (più gli altri centrini) presenteranno una lista e un candidato di collegio per ciascuno, nessuno sa ancora nulla del pianeta sinistra, ora polverizzato fra Mdp bersanian-dalemiano, Campo Progressista di Pisapia, vendoliani di Si, Verdi, Rifondazione, ex-Tsipras, civatiani di Possibile ecc. – scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano nell’editoriale di oggi 30 maggio 2017, dal titolo “Istruzioni per l’uso”.

Se tutto ciò che orbita alla sinistra del Pd trovasse un leader e una casa comuni, potrebbe superare il 5% e anche puntare al 10. E sarebbe l’interlocutore naturale per la forza che, non per ideologia ma per programma, le è più vicina o meno lontana: i 5Stelle. Basta guardare al Parlamento europeo, dove il Pd (gruppo Pse) vota regolarmente col centrodestra (gruppo Ppe), mentre i 5Stelle – in barba all’alleanza tattica con l’Ukip di Farage – vanno spesso a braccetto con la sinistra. Nella prossima legislatura le questioni cruciali per il nuovo governo italiano saranno quattro. 1) Quella sociale, con milioni di persone sotto la soglia di povertà e la disoccupazione da record. 2) Quella legalitaria, che poi è anche finanziaria, con l’esigenza almeno di intaccare i bubboni della corruzione, dell’evasione, dell’economia sommersa e del lavoro nero che frenano la crescita e rubano le risorse necessarie a redistribuire ricchezza, investire e creare lavoro.

3) Quella migratoria, con continui sbarchi dalle polveriere nordafricana e mediorientale da gestire. 4) Quella europea, per partecipare da posizioni non gregarie alla riforma delle istituzioni e dei trattati. Un Renzusconi, espressione della palude dell’ultimo ventennio, non vorrà né potrà fare nulla di nuovo: il patto Renzi-B.-Salvini-Alfano sui voucher-truffa contro la sinistra (anche del Pd) e i sindacati è solo l’antipasto di una corrispondenza di amorosi sensi che, come ha detto Saviano al Fatto, è già un’alleanza. Le sole forze in grado di cambiare qualcosa sarebbero i 5Stelle e una sinistra social-ambientalista che la pianti di inseguire le patacche blairiane e guardi all’exploit di Mélenchon in Francia. A patto che, appunto, non si propongano di cambiare tutto (cioè niente), ma almeno qualcosa, con chi ci sta. È la proposta lanciata sul Fatto da Zagrebelksky e Cacciari, partendo dalla previsione che col proporzionale nessuno potrà governare da solo: cari 5Stelle, uscite dalla torre d’avorio e mettetevi a fare politica, cercando alleanze non sulle vecchie etichette destra-sinistra, ma su pochi punti credibili e utili, in grado di raccogliere consensi più vasti. Votando col Pd su fine vita, fine vitalizi e legge tedesca, mettendo la sordina all’impossibile referendum sull’euro e dialogando con pezzi di classe dirigente, i grillini qualche segnale l’hanno dato. Ora lo stesso dovrebbe fare questa fantomatica sinistra.

In campagna elettorale, il M5S e l’eventuale sinistra unita hanno due opzioni. La prima, la più comoda, è il “tanto peggio tanto meglio”: fare propaganda contro il Renzusconi senza far nulla per contrastarlo, cioè favorendolo, lasciare che faccia i danni previsti e godersi i sondaggi dai banchi della solita opposizione parolaia. La seconda, la più faticosa, è costruire qualcosa di serio e alternativo, dicendo prima del voto agli elettori che cosa si vuol fare dopo se i 5Stelle arrivano primi e ricevono l’incarico, ma non sono autosufficienti.  […]

Articolo intero su Il Fatto Quotidiano in edicola oggi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...