Cronaca/Interno/Politica

Il saltimbanco Renzi: non vuole più il voto anticipato

(Da la Repubblica) – “La discussione sul voto non si pone sulla base della legge elettorale, ma su che tipo di bilancio vorremo fare. La mia idea di legge di bilancio è diversa da quella di Mario Monti. L’austerity non ha rilanciato l’Italia e ha aumentato i disoccupati. Noi lavoriamo perchè ci siano più posti di lavoro. E lavoreremo per questo insieme a Paolo Gentiloni”.

Matteo Renzi inaugura il primo appuntamento di #OreNove, un quarto d’ora, poi diventati 40 minuti, di rassegna stampa e approfondimento con una scrivania ricolma di giornali sui canali Facebook e Youtube del Partito Democratico. Una rassegna stampa meditata sugli articoli dei quotidiani in edicola e ritorni sui temi politici. Per il debutto è lui fa il conduttore.

“Quando si vota? Sei mesi prima o sei mesi dopo non cambia nulla, sono beghe dei partiti, ai cittadini non importa nulla”, scandisce Renzi, “quindi il tema portante del voto anticipato non si basa a partire dalla legge elettorale, piuttosto dalla legge di bilancio. Va fatta prima una buona legge e noi lavoreremo con Gentiloni e al governo per capire che manovra andrà fatta”.

E però è assurdo dire: se si vota si apre un problema di stabilità per il Paese, il vero problema è che tipo di legge economica faremo per portare più lavoro, un ragionamento che noi faremo insieme al governo.  Sottolineo però, contro chi parla tanto, che votare NON è un pericolo per l’Italia, in questi mesi votano tutte le principali democrazie europee e se diciamo che andare alle elezioni in Italia può essere un pericolo, una risata continentale rischia di seppellerci”.

I tempi? “Prima approvare la legge elettorale che deve essere votata entro il 7 luglio sennò salta – con lo sbarramento al 5 per cento, che limita il numero dei partitini – e poi a me interessa per prima cosa la legge di Bilancio, dopo di che decideremo tutti insieme cosa fare”.

 “Oggi la rassegna stampa la conduco io…”. Così esordisce Matteo Renzi, spiegando la filosofia del nuovo appuntamento in rete, lo spazio di approfondimento del Pd on line nella sua diretta facebook alle nove di mattina. “Da un lato Feste dell’Unità, magliette gialle, presenza in mezzo alla gente, dall’altro il web”, assicura il segretario dem.

“La politica non può essere solo la legge elettorale, l’emendamento, le polemiche tra partiti ma deve avere un orizzonte molto più ampio, dobbiamo tenere alta l’attenzione per tutte le persone in difficolta”, aggiunge il segretario dem. Domani sarà il ministro Martina ad aprire il nuovo appuntamento di approfondimento in diretta sui canali Facebook e Youtube.

Annunci

One thought on “Il saltimbanco Renzi: non vuole più il voto anticipato

  1. difficile fidarsi di un saltimbanco … l’ultima sui vaucher la dice tutta sul personaggio: di quanto basso sia il suo profilo politico ma (a questo punto …) anche umano, atteso che ogni volta che spiffera qualcosa non solo è incredibilmente diversa dalla realtà dei fatti ma anche offende l’intelligenza di milioni di cittadini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...