Cronaca/Interno/Politica

Siete sicuri che si andrà a votare a settembre?

(dagospia.com) – Dopo il re in esilio Giorgio Napolitano, anche l’ultimo dei suoi padrini (nobili), il sommo Eugenio Scalfari, sembra abbandonare al proprio destino il ducetto di Rignano sull’Arno che al Nazareno ha apparecchiato un tavolo da poker (al buio) per riscrivere alla tedesca (sic!) le nuove regole del gioco elettorale.

Nella sua omelia domenicale, il fondatore della Repubblica – deluso -, prende atto che il cazzaro Renzi non è un Macron italiano, ma soltanto un capataz di provincia senza cultura politica che, oibò, nel Pd “vuole comandare da solo”.

E con la nuova legge elettorale simil-proporzionale (senza preferenze e ancora tutta da scrivere in Parlamento) l’ex figlioccio di Eugenio non appare davvero intenzionato a ricostruire quel centrosinistra riformatore capace di spuntarla nella prossima (o remota) chiamata al voto.

A Matteo, il paziente nonno Scalfari – con l’invito a non mandare a casa anzitempo il governo Gentiloni: “Sarebbe un altro errore drammatico” – consiglia la lettura del saggio di Tocqueville “Democrazia e libertà” che, sul suo ribaldo discepolo avrà lo stesso effetto di suggerire alla starlette Belen Rodriguez di non mostrare il lato B nelle foto. Parole al vento, insomma.

Dopo tre anni, sembra così sgretolarsi quel muro di carta eretto, con perdite sanguinose nelle edicole, dal quotidiano di Sorgenio De Benedetti a difesa dell’ex premier e della sua cricca di “nani e grembiulini”. Contro il voto anticipato si era già pronunciato il direttore Mariopio Calabresi. Mentre Massimo Giannini ha bollato come una “porcata quasi peggiore di quella che concepì nel 2005 Calderoli e i suoi compagni di merende” la nuova formula elettorale escogitata dall’insolito terzetto Renzi, Berlusconi, Grillo.

Una “legge truffa”, aggiunge Giannini, di dubbia costituzionalità che non assicurerebbe alcuna governabilità sicura a urne scrutinate, dove gli italiani non potranno scegliersi i propri parlamentari. Lo faranno i capobastone dei partiti (agonizzanti) e il ras dei Cinquestelle, Beppe Grillo, con le sue parlamentarie via web.

Sull’Espresso, magazine della stessa casa madre, il professor Michele Ainis osserva: “L’XI legislatura (1992-1994) è stata la più breve della storia repubblicana: 772 giorni, un record negativo. Ma la prossima – aggiunge il costituzionalista – promette di fare molto meglio, pardon peggio”.

Già con il tedesco all’italiana “quale governo, quale presidente del consiglio dovrebbe garantirne la sopravvivenza?”. A chiederselo è pure il capo dello Stato che non ha alcuna intenzione di sciogliere anticipatamente le Camere e vuole giocare anche lui le sue carte (coperte, compreso un governo istituzionale che arrivi alla scadenza del 2018) al tavolo del poker istituzionale dove per ora si affrontano tre abili e notori “bari” (politici) che hanno obiettivi diversi una volta finita la partita sulla nuova legge elettorale: Renzi, Berlusconi e Grillo.

Annunci

One thought on “Siete sicuri che si andrà a votare a settembre?

  1. Io sono convinto che il governo post elezioni si farà e senza alcuna difficoltà perché verrà fuori dalle urne. Appena Berlusconi annuncerà la sua campagna elettorale sarà una corsa a supplicare un posticino o quel tanto o poco che S.M. gli converrà di concedere. Va da sè che un Parlamento di eletti non conviene né a Renzi né a Berlusconi, quindi nominati siano!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...