Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Non basta Afragola per salvare il Mezzogiorno

No, no, e poi no. Non ci siamo conte Gentiloni, non ci siamo con i suoi appelli indirizzati ai privati per farli investire nel Mezzogiorno perché “oggi ci sono le condizioni anche grazie a un contesto fiscalmente favorevole”. Se poteva bastare non c’era bisogno del suo appello perché le imprese sanno leggere la realtà e sanno anche sfruttarla. Ma le imprese non hanno bisogno solo di qualche ‘aiutino fiscalmente favorevole’, ma hanno anche bisogno di infrastrutturazioni con le quali si possono abbattere i tempi di trasporto delle merci prodotte.

E’ questo che fa la vera differenza tra una zona e l’altra. Il Sud dell’Italia non ha infrastrutturazione capace di farla competere col resto del Paese. La stessa autostrada, che il pifferaio di Rignano esaltava come autostrada a 4 corsie per senso di marcia, non solo non ha queste caratteristiche che esistono solo per i primi 54 km da Salerno in giù, ma è rimasta a tre corsie per altri 337 km mentre, per essere realmente completata, ne mancano ancora 52 km rimasti così come erano stati costruiti nel lontanissimo 1972 (si tratta di 4 tronconi tra i più pericolosi in assoluto).

Ma da Salerno in giù mancano anche l’Alta Velocità e l’Alta Capacità che continueranno a mancare anche dopo l’inaugurazione della stazione di Afragola. Chi da Reggio, infatti, deve andare a Roma, in treno, è costretto a impiegare, per circa la stessa distanza, il doppio del tempo che serve per raggiungere Milano da Roma. E tutto il profondo Sud che soffre anche l’isolamento per la grave contrazione dei voli su Reggio Calabria e la mancata modernizzazione degli aeroporti siciliani.

A conti fatti, le imprese che decidessero di dar ascolto al conte Gentiloni e localizzassero le proprie inprese nel Mezzogiorno, si troverebbero a produrre merci che usufruiscono (!??) ‘di un contesto fiscalmente favorevole’ ma sarebbero letteralmente fuori mercato. Ma allora perché questo invito signor Conte? Il suo sembra proprio un classico discorso elettorale, un semplice spot per catturare consensi sia nel voto amministrativo dell’11 giugno, che nel probabile voto politico d’autunno, e anche nel voto regionale siciliano, del 5 novembre prossimo, voto che invece deve chiudere con la  Giunta Crocetta, facendo eleggere chi sa opporsi alle scelte suicide dei governi centrali.

Forse, avrà pensato il conte, non costa nulla invitare a investire nel Mezzogiorno. Nessuno potrà accusarmi di promettere e non mantenere (che è la specialità usata dal Matteo di Rignano). Lui, il conte, l’invito l’ha fatto, che colpa ne avrebbe se le imprese sono letteralmente sorde? Gliele ricordiamo noi le sue colpe, anche perché sono recenti. Prima ha dato l’ok al DEF, caratterizzato da investimenti al Nord e studi al Sud (ma quanto vorremmo invertire, per un anno solo, l’attuale realtà con studi al Nord e investimenti al Sud); e poi ha esultato per la falsa ‘via della seta’ perché i cinesi gli hanno promesso qualche piccolissimo impegno nell’uso dei porti di Venezia e Trieste.

Ma sono proprio questi ultimi due episodi a dimostrare la cecità non delle imprese (che chiaramente pensano solo al loro interesse), ma quella della nostra classe dirigente che ignora le opportunità che il traffico mercantile offre al Belpaese. Parliamo di classe dirigente perché Gentiloni non ha fatto altro che quello che han fatto gli altri tre premier abusivi, cioè ignorare il fiume d’oro che scorre nel Mediterraneo e che, se indirizzato bene, farebbe la ricchezza dell’Italia.

Lo stesso Mezzogiorno otterrebbe una salutare svolta col Ponte e l’AV che sancirebbero la fine dell’isolamento e l’utilizzo dei propri porti senza nulla togliere agli altri porti italiani. Il fiume di container che scorre mensilmente nel Mediterraneo farebbe lavorare tutte le realtà portuali mentre, con l’AV, diventerebbe concreta la sfida turistica, anche per il Sud, evitando di raggiungere Messina via mare, saltando un pezzo di Mezzogiorno, con l’imbarco a Salerno.

Giovanni ALVARO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...