Cronaca/Interno/Politica

Terremoto: il prossimo agosto scadrà lo stato di emergenza

Il prossimo agosto scadrà lo stato di emergenza proclamato in seguito al terribile terremoto che devastò Amatrice, Arquata del Tronto e molti altri comuni della zona quel maledetto 24 agosto. La notizia è terribile per le persone ancora alle prese con la condizione di sfollati e con tantissimi problemi legati a quel sisma. Infatti la cessazione dello stato di emergenza vuol dire in sostanza che il governo non darà più il Contributo di Autonoma Sistemazione, un aiuto economico che fondamentale che ha permesso a migliaia di terremotati di avere un tetto sopra alla testa in attesa della lenta ricostruzione.

Stiamo parlando di oltre 4mila persone rimaste senza casa dopo il primo sisma, numero aumentato a dismisura con le scosse dell’ottobre successivo. Queste persone hanno potuto usufruire del contributo che prevedeva per i cittadini la cui abitazione era stata dichiarata inagibile e quindi sgomberata dai funzionari della Protezione Civile un contributo per poter rimanere vicino al proprio luogo di lavoro senza trasferirsi negli hotel della costa. Inoltre il provvedimento prevedeva un assegno mensile di 200 euro per ogni membro del nucleo famigliare.

Fin qui tutto bene, ma come dicevamo tutto questo sta per finire. Lo spiega l’avvocato Riccardo Bucci dell’associazione AlterEgo Fabbrica di Diritti: “Il secondo comma dell’articolo relativo al Contributo di Autonoma sistemazione spiega che i benefici economici sono concessi non oltre la data di scadenza dello Stato di Emergenza. Tale scadenza, al termine della proroga, è fissata per il 19 agosto 2017. Il problema – continua l’avvocato – è che il CAS non viene specificatamente disciplinato dal decreto terremoto. L’unica norma che fissa la disciplina è prevista dall’ordinanza 388 della Protezione Civile, che per l’appunto fissa la scadenza del contributo alla fine dello stato di emergenza, il 19 agosto”. “Ciò che pertanto stiamo chiedendo a gran voce – continua Bucci – è che il Governo intervenga con un decreto d’urgenza che, oltre eventualmente a modificare l’attuale normativa che, come anche denunciato da parte delle Istituzioni, è risultata inadeguata nella soluzione degli attuali problemi, possa regolamentare tutti gli strumenti assistenziali che siano collegati direttamente o indirettamente al periodo dello Stato di Emergenza, in primis il CAS. Attualmente, senza interventi, il rischio è che i Comuni possano il 20 Agosto “chiudere i rubinetti” e non liquidare più un contributo ancora fondamentale. Ciò che serve è dare certezza a una popolazione che continua a vivere alla giornata senza alcuna prospettiva o idea su quello che sarà di essa, neanche da qui a due mesi”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...