Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

“Il gufo di se stesso”: di Marco Travaglio

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Perché il PdR, dopo le comunali del 2016, il referendum costituzionale e il governo, ha perso pure le comunali del 2017? La risposta è nel tweet di Renzi: il Pd ha vinto in 67 città, contro le 59 del centrodestra e le 8 dei 5Stelle, e le elezioni politiche saranno un’altra storia, cioè vincerà lui perché lo dice lui. Analisi lucida come quelle di Hitler nel bunker, circondato da Eva Braun e da pochi servi rimasti, che davano retta ai suoi delirii sull’“arma segreta” e sull’imminente vittoria in una guerra già persa. O quelle di Alì il Chimico, il ministro di Saddam Hussein che diramava bollettini vittoriosi mentre il dittatore era in fuga e le truppe angloamericane nel palazzo presidenziale. Ieri, appena uscito il tweet, i pochi che ancora vogliono bene a Matteo avrebbero dovuto chiamare l’ambulanza per farlo visitare d’urgenza da uno bravo (possibilmente non Recalcàzzola). Ma non l’han fatto né lo faranno: il Giglio Magico non contempla esseri pensanti, solo pecore belanti e leccanti. Altrimenti un partito che colleziona più fiaschi di una cantina sociale si sarebbe già riunito per analizzare le cause e invertire la rotta (ammesso e non concesso che ne abbia una), possibilmente prima di estinguersi definitivamente come i dinosauri. Invece, a ogni rovescio, si sente dire che la prossima volta andrà meglio e non è l’ora di discutere. Pensando di fare cosa gradita, riassumiamo ciò che ci pare di aver capito – scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano nell’editoriale di oggi 27 giugno 2017, dal titolo “Il gufo di se stesso”.

1. Già Re Mida della politica che trasformava in oro tutto ciò che toccava, Renzi è oggi un imbolsito Re Merda. Il gufo di se stesso. Nel giro di 3 anni è riuscito nell’impresa che B. impiegò più di 20 anni a centrare: stare sulle palle a tutti gli italiani, di destra, di centro e soprattutto di sinistra, salvo a quelli che gli devono il posto (qualche centinaio di parlamentari, cacicchi locali e giornalisti, della Rai e non solo). Questione di arroganza, antipatia e soprattutto disastri di governo che è inutile riepilogare. Così, al referendum e ai ballottaggi, è “tutti contro Renzi”.

2. Non bastando lui, Renzi ha mandato in giro – soprattutto in tv e sul web, essendo le piazze luoghi plebei e populisti, roba da volgari grillini e leghisti – una classe dirigente inguardabile: facce patibolari, ma senza la grandezza criminale di B.&C.; o mediocri replicanti e marionette del Capo, che ne ripetono a pappagallo il verbuccio e fanno le faccine se parlano gli altri.

3. A furia di copiare il programma di B., e persino della Lega, molti elettori di sinistra sono rimasti a casa (come un tempo quelli di destra), mentre quelli di destra, umiliati per 20 anni dalla sinistra, si son detti: “Vuoi vedere che avevamo ragione noi?”.

E si sono precipitati a votare financo i sindaci (come un tempo quelli di sinistra). Intanto l’elettorato flottante e non ideologico, fra l’originale B. e la brutta copia R., è tornato a preferire il primo. Non per convinzione: per sfinimento.

4. Alle cause strutturali della crisi, si sono aggiunti alcuni autogol freschi freschi, astutamente messi a segno da Renzi & C. fra primo turno e ballottaggi. Tipo la gestione del caso Consip, con la cacciata del testimone Marroni per salvare le poltrone degli indagati e il culetto del babbo. L’idea che a pagare sia l’unico non inquisito, nel partito che un tempo faceva della questione morale una bandiera, fa ancora un certo ribrezzo.

5. Geniale la trovata di consacrare il fiasco della Rai renziana nominando nuovo capo supremo tal Mario Orfeo al posto del pericoloso gufo Campo Dall’Orto (scelto sempre da Renzi). Il quale Orfeo, come prima mossa, ha l’ideona di fregarsene della legge (votata dal Pd di Renzi) sul tetto alle star. E non solo conferma il mega-stipendio a Fabio Fazio, ma gliel’aumenta un altro po’ (da 1,8 a 2,8 milioni l’anno). Delirio nelle periferie metropolitane e alle catene di montaggio.

6. Casomai qualcuno non si fosse ancora incazzato abbastanza, ecco il decreto banche: una spesuccia di 17 miliardi pubblici per salvare due istituti veneti, regalando la parte sana a Banca Intesa (al prezzo di 1 euro) e quella marcia allo Stato, con un salasso che si sarebbe evitato intervenendo uno o due anni fa. I 17 miliardi per il reddito di cittadinanza a chi non ha nulla non ci sono mai: per le banche, si trovano sempre.

7. Siccome un sondaggio Ipr Marketing-il Fatto rivela che una sinistra unita guidata da Stefano Rodotà raggiungerebbe il 12% dei voti, quando muore Rodotà lo piangono milioni di italiani, ma Renzi no: neppure un tweet (e meno male: c’era pure il caso che lo chiamasse “solone, professorone e gufo” un’altra volta).

8. Il boss Giuseppe Graviano, intercettato in carcere, si sfoga contro B. che ai tempi delle stragi gli chiese “cortesie” e poi si è scordato di pagare il conto. Ma Renzi & C. non dicono una parola, sennò quello s’incazza e niente governo Renzusconi. In compenso si scatenano contro la Raggi, per accuse molto più lievi di quelle di Sala, difeso a spada tratta contro la “giustizia a orologeria”. Così, tra i due litiganti, la destra gode.

9. A un passo dal varo di una legge elettorale decente sul modello tedesco, finalmente condivisa con le opposizioni, prima Pd&B. la imbottiscono di nominati (niente voto disgiunto), poi Renzi la fa saltare per un emendamento sul Trentino-Alto Adige.

10. Nell’eventualità che gli incerti non siano ancora fuggiti tutti, il Pd riesuma dopo 2 anni di letargo la legge sullo Ius soli, la più generosa d’Europa. Principio giusto, applicazione discutibile, spiegazioni balbettate e tempismo demenziale, in pieno panico da attentati. Salvini non poteva sperare di meglio. Anzi, se ora gliel’approvano così com’è, dal 1° settembre riempie le piazze di gazebo per raccogliere firme sul referendum abrogativo e ha le elezioni politiche in tasca. Gratis.

Articolo intero su Il Fatto Quotidiano in edicola oggi.

Annunci

One thought on ““Il gufo di se stesso”: di Marco Travaglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...