Cronaca/Interno/Politica

Matteo Richetti, il portavoce più inutile della politica

Prima renziano, poi critico e infine di nuovo renziano, è stato perdonato dal segretario del Pd. Con un incarico in teoria prestigioso ma in realtà del tutto irrilevante

(di Guido Quaranta – http://espresso.repubblica.it) – È giovane, ciarliero, con un ciuffo ribelle sulla fronte e la calata bonaria degli emiliani. Se indossasse una maglietta rossa a fior di pelle, calzasse un paio di ciabatte 
e reggesse in mano un salvagente sembrerebbe 
un simpatico bagnino. 
Ma Matteo Richetti (42 anni, da Sassuolo) non ha niente 
a che fare con ombrelloni, lettini, sdraio e pedalò: è un deputato del Pd.

In passato 
è stato un fidato, carissimo amico di Matteo Renzi, poi 
a sorpresa gli ha voltato d’improvviso le spalle e lo ha osteggiato, in seguito se ne è pentito amaramente, quindi ne ha impetrato il perdono 
e di recente, ottenutolo, gli 
è di nuovo un fidato, solerte, carissimo amico. Capita: capita nelle migliori famiglie e capita pure nei migliori partiti.

Magnanimo, Renzi 
ha voluto festeggiare il ravvedimento del rinsavito figliol prodigo nominandolo portavoce del partito: un ruolo senz’altro di prestigio. Peccato solo che sia un ruolo del tutto inutile nel Pd del segretario Renzi: se c’è 
un leader politico che non 
ha affatto bisogno di avere un portavoce è proprio lui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...