Cronaca/Economia/Interno

Si offusca la stella di Eataly?

(affaritaliani.it) – Si offusca la stella di Eataly? Gli amministratori, nella relazione che accompagna il bilancio 2016, ostentano tranquillità e spiegano ai soci che nel 2017 i conti torneranno in nero. Anche per effetto delle nuove aperture (negli Emirati Arabi, in Canada e in Giappone), non solo all’estero (aperti punti vendita anche in Italia) del supermercato del lusso fondato da Oscar Farinetti. Sarà.

Per il momento però, l’arrivo di Andrea Guerra, nel primo bilancio firmato per intero dall’ex Luxottica liquidato da Leonardo Del Vecchio con una profumata liquidazione di oltre 40 milioni di euro, ha coinciso con una perdita di 11 milioni di euro. I conti di Eataly Distribuzione sono questi.

Secondo quanto riporta il Fatto Quotidiano in un articolo a firma Stefano Feltri, il gruppo fondato da Farinetti, ora fuori formalmente dalla società avendo lasciato le redini ai figli e al manager milanese che nel 2015 è stato anche consigliere di Matteo Renzi a Palazzo Chigi, lo scorso anno ha registrato una contrazione del fatturato di oltre il 15%: 178,8 milioni contro i 211,7 del 2015. Cos’è successo? Gli amministratori lo mettono subito nero su bianco: la manna nel 2016 è stato il volano dell’Expo. Che è come dire, sottolinea il Fatto, che il bilancio 2015 è stato così positivo soltanto grazie al fatto che Giuseppe Sala, quando guidava Expo prima di diventare sindaco di Milano, nel 2013 ha concesso a Eataly senza gara il servizio di ristorazione in due edifici dell’evento.

Anche se poi, l’ex commissario Expo è stato indagato e archiviato perché non è stato riscontrato il “dolo intenzionale” di favorire Farinetti, il giudice ha riscontrato nell’archiviazione che il gruppo di Farinetti ha beneficiato di “condizioni economiche particolarmente vantaggiose ” e “di maggior favore” rispetto a quelle applicate negli altri otto edifici con ristorazione (royalty del 12% per gli altri ristoratori contro il 5% – il 6% se i ricavi andavano oltre 40 milioni – per Eataly).

Speriamo che gli le prospettive rosee di cui Guerra&Co si dicono convinti per quest’anno non siano una chimera. Il treno dell’Expo ci rimetterà un po’ a tornare in Italia. PS: la Borsa resta lontana. Nel 2013 il piemontese Farinetti prometteva la quotazione quando il fatturato avesse raggiunto i 700 milioni. La strada sembra ancora lunga.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...