Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Alessandro Sallusti: “Se la Boldrini chiama alla rivolta gli immigrati”

(Alessandro Sallusti per il Giornale) – Ci sarebbe una buona ragione per interrompere la legislatura e andare subito al voto. E cioè liberarsi della presenza ossessionante nei tg e sui giornali di Laura Boldrini, che il giorno che non sarà più presidente della Camera, non sarà più del tutto. Nell’ attesa, il Boldrini-pensiero è una tassa che dobbiamo pagare in aggiunta al canone.

Anche ieri, puntuale, la presidentessa si è presentata davanti alle telecamere e con voce solenne ci ha informati che lo «ius soli» (la legge sulla cittadinanza facile agli immigrati appena accantonata da Gentiloni) è «necessario» e va approvato entro fine legislatura, pena il montare della rabbia popolare.

Ci deve essere un virus nell’ufficio del presidente della Camera, lo stesso che ha messo fuori gioco, per un verso o per l’altro, i tre predecessori della Boldrini, cioè Gianfranco Fini, Pier Ferdinando Casini e Fausto Bertinotti. È un virus che scollega l’inquilino dal Paese e dalla realtà. Nel caso in questione, ci chiediamo chi verrebbe preso da attacchi di rabbia se questo «ius soli» non dovesse essere approvato.

Sinceramente penso che neppure i pochi irriducibili boldriniani si strapperebbero le vesti. Nessuno discute che l’attuale legge (che fissa a 18 anni il momento in cui un ragazzo nato da genitori immigrati può chiedere di diventare italiano a tutti gli effetti) possa essere rivisitata.

Ma non così come proposto dal Pd (sarebbe la legge più permissiva d’Europa) e non certo prima di aver messo sotto controllo gli ingressi in maniera seria e stabile. Altrimenti l’Italia diventerebbe un distributore automatico di passaporti e di cittadinanza europea (con tutto quello che ne deriva).

All’estero credo che ci prendano per matti. Da una parte il premier Gentiloni e il ministro dell’Interno Minniti che girano l’Europa minacciando di chiudere i porti perché non ce la facciamo più, dall’altra il presidente della Camera (terza carica dello Stato) che nega l’emergenza, invita a tenere le porte aperte e vorrebbe tutti italiani. Vagli a spiegare a francesi e tedeschi che la Boldrini non rappresenta nulla e nessuno, non ha partito né elettori. L’obiezione sarebbe banale: ma allora che cosa l’ avete messa lì a fare? Bella domanda, peccato che non ci sia una risposta intelligente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...