Cronaca/Interno/Sindacati

Migranti ed escalation della violenza e dei reati, De Lieto (Li.si.po.): così non si può continuare

Escalation della violenza, da parte di un numero crescente di migranti, chiaramente  insofferenti  alle regole, alla legge, al vivere nel rispetto degli altri e delle regole. La cronaca ci offre quotidianamente, notizie di violenze, di tutti i tipi, di cui si rendono protagonisti migranti che  sembrano essere convinti che tutto sia loro dovuto. Violenze sessuali qua e la per la Penisola. Ragazze, donne, anziane: sembra  essere al self-service del sesso. Aggressioni a guidatori e conduttori di pullman, di treni ecc., perché, pagare il “biglietto” infastidisce ed infastidisce, forse, ancora di più, che qualcuno pretende il pagamento di un biglietto, per scorrazzare in giro per la città e per  l’Italia, il “migrante”.  Una recrudescenza delinquenziale  che passa attraverso furti, rapine, spaccio di droga, violenze varie sono ad arrivare  a sottrarre una pistola ad un Vigile ed aprire il fuoco  sullo stesso e su un suo collega. Questo ultimo episodio è accaduto a Firenze ed i due Vigili, sono vivi solo grazie al loro sangue freddo. A giudizio del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) – ha dichiarato il Presidente Nazionale Antonio de Lieto – così non si può continuare. I cittadini sono  esasperati ed è facile prevedere l’esplosione di una rabbia sociale. Gli  “ospiti”, aumentano sempre di più e la stessa Europa, anziché  “alleggerire” la pressione di  enormi masse  di migranti, sull’Italia, agevola la venuta nel nostro Paese, di migranti, precedentemente approdati in Francia, Germania, Austria ecc.. La politica “buonista” a della “collaborazione europea”, a tutti i costi, è estremamente dannosa per il nostro Paese. Chiudere i porti, espulsioni coatte e  blocco navale ai limite delle acque territoriali. La nostra capacità logistica, per quanto concerne l’accoglienza è esaurita: chi li vuole, può  portarli a casa propria. Bello e comodo – ha concluso il leader del LI.SI.PO. – predicare “accoglienza” e poi non accogliere nessuno e pretendere che siano gli altri a farlo.

 

L’ADDETTO STAMPA

Antonio Curci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...